Conferenza sul tema “I porti di Igoumenitsa e Brindisi per la costruzione di un polo logistico-intermodale tra Grecia e Italia”.
mercoledì 27 febbraio 2008

Brindisi, 27 febbraio 2008. Venerdì 29 febbraio, alle ore 10.00, nel Salone di rappresentanza della Provincia di Brindisi, avrà luogo una conferenza sul tema “I porti di Igoumenitsa e Brindisi per la costruzione di un polo logistico-intermodale tra Grecia e Italia”.


Intervengono il presidente della Provincia Michele Errico, il presidente della Camera di Commercio di Brindisi Giovanni Brigante, il vice prefetto di Thesprotia Michael Gikas, il presidente dell’Autorità Portuale di Brindisi Giuseppe Giurgola e il direttore generale dell’Autorità Portuale di Igoumenitsa Kotsios Nikolaos.


Questa iniziativa rientra tra le attività del progetto Sealink finanziato dall’iniziativa comunitaria Interreg IIIA Grecia-Italia Misura 1.1, azione D3. Sono partner del progetto la Provincia di Brindisi (capofila), le Prefetture di Corfù e Thesprotia, le Autorità Portuali di Brindisi e Igoumenitsa e la Camera di Commercio di Brindisi.


In particolare, il progetto Sealink, finanziato integralmente dall’Unione Europea con un contributo di 333.000,00 euro è stato avviato a partire dalla constatazione che sui territori della provincia di Brindisi e delle regioni greche dell’Epiro e delle Isole dello Ionio, esistono una moltitudine di servizi per la logistica offerti sia da enti che da piccoli operatori, ma che la fruizione di tali servizi è resa molto complessa dal  frazionamento dell’offerta e dalla mancanza di piani di comunicazione istituzionale: l’assenza di un quadro di insieme dell’offerta di servizi esistente non permette, quindi, di organizzare un’offerta complessiva ed integrata nel campo della logistica. Pertanto, grazie a Sealink, saranno implementate le seguenti azioni:


– un censimento di tutti gli operatori del settore logistico operanti in Italia e in Grecia sui territori di Brindisi, Corfù e Igoumenitsa;

– la realizzazione di una “carta dei servizi della logistica” che includa un sistema di “rating” ed un “disciplinare” dell’offerta di servizi”;

– la realizzazione di una infrastruttura telematica.;

– lo sviluppo di un piano di comunicazione che abbia il chiaro intento di attrarre operatori interessati a utilizzare i servizi proposti ed interessati ad insediarsi sul territorio