Parcheggio multipiano nell’ex cinema Di Giulio
martedì 26 febbraio 2008

 


Brindisi, 26 febbraio 2008. La Giunta Comunale di Brindisi ha adottato, in data odierna, una delibera con la quale si dà il via libera - come atto di indirizzo - alla realizzazione dei lavori necessari a trasformare l’ex cinema Di Giulio in un parcheggio multipiano utilizzando i fondi rivenienti dal programma di riqualificazione urbana finanziato con la misura 5.1 del Por Puglia 2000-2006.


In un primo momento, come è noto, si era pensato di creare, all’interno della struttura, un contenitore per attività culturali e sociali, ma una diversa strutturazione degli interventi pubblici e le necessità emerse in materia di circolazione stradale hanno indotto l’Ente locale a modificare la programmazione e quindi a realizzare un parcheggio nel cuore della città.


Come si evince dalla relazione tecnica predisposta dal dirigente Fabio Lacinio, ci sarà un unico ingresso in Largo Pipino, con un elevatore circolare idraulico ed una capacità di circa venti posti-auto per piano. La struttura sarà sviluppata su quattro piani. Nell’ex foyer del teatro, invece, potrà trovare spazio una struttura commerciale autonoma rispetto al parcheggio.


“Il nostro obiettivo – ha affermato il Sindaco Domenico Mennitti – è quello di venire incontro alla necessità di alleviare i disagi ai cittadini rivenienti dalla cronica carenza di parcheggi nel centro cittadino dove vi è la maggiore concentrazione di servizi ed uffici pubblici. Ed è per questo che abbiamo deciso di utilizzare una delle poche alternative disponibili. Sono certo che questo contribuirà a creare le condizioni necessarie per una ripresa delle attività commerciali localizzate all’interno dell’isola pedonale”.


“La nuova destinazione decisa dall’Amministrazione – afferma l’Assessore alle Politiche comunitarie Mauro D’Attis – non altera il quadro di finanziamento. Abbiamo l’interesse a gestire le risorse dell’Unione Europea nel migliore dei modi e credo che questa scelta, assieme alle ultime di questo genere che abbiamo preso, ossia il finanziamento dei sottopassi carrabile e pedonale di Via Torpisana, vada in questa direzione.”.