Nuova odissea all’aeroporto di Brindisi… Per una nebbia che non c’e’
martedì 26 febbraio 2008

Brindisi, 26 febbraio 2008.  Nuova Odissea oggi all’aeroporto di Brindisi bloccato per una intera mattinata con centinaia di persone rimaste a terra e che hanno perso appuntamenti, coincidenze, l’intera mattinata di lavoro.

L’aeroporto era per l’ennesima volta paralizzato: gli aerei non atterravano, e quindi non partivano, pare per un po’ di foschia e di lavori alla pista principale, che ormai sembrano essere senza fine. Una situazione che si verifica ormai da mesi e quasi ogni giorno in condizioni meteorologiche normali per qualsiasi altro aeroporto italiano ed europeo. In quelle stesse condizioni invece tre intere province della Puglia restano bloccate.


Vorremmo capire una volta per tutte come stanno le cose: ogni volta che negli ultimi mesi abbiamo presentato interrogazioni al Governo nazionale non abbiamo ottenuto risposte, se non una polemica a mezzo stampa durata un giorno e finita nel nulla. Oggi ripetiamo tutte le domande e ripresentiamo l’interrogazione parlamentare, perché i cittadini della Puglia e del Salento hanno il diritto di sapere cosa succede, perché succede, quali strumentazioni mancano ai nostri aeroporti, di chi sono le responsabilità e a chi devono chiedere i danni per le giornate e le occasioni di lavoro perse a causa delle mancate partenze.


On. Raffaele Fitto . Coordinatore Regionale Forza Italia Puglia
On. Luigi Vitali  - Deputato Forza Italia