Volley. La Stamplast conqusita altri due punti d’oro.
lunedì 18 febbraio 2008

San vito dei Normanni, 18 febbraio 2008.  Pubblico delle grandi occasioni al Pala Macchitella di San Vito teatro del match salvezza fra Stramplast e Cariparma. Di fronte due squadre arcigne che proprio non ne volevano sapere di cedere all’avversaria: ne è venuta fuori una partita spumeggiante con molti capovolgimenti di fronte in cui i tifosi e i telespettatori di SKY hanno potuto apprezzare tanto agonismo e buona tecnica.


Cosimo Lo Re deve far a meno in avvio di Capuano e Masino ancora alle prese con problemi fisici e conferma il sestetto che ha violato domenica scorsa il Pala San Felicissimo di Nocera con Di Crescenzo in regia, Karalyus opposta, Prado e Marta in banda, Vanni e Fanelli al centro, Gentile libero.


Marco Botti manda in campo Peluso in regia, Shopova opposta, Conde e Cirilli ai lati, Rossi e Grando al centro, Arnoldi libero.


La Stramplast in avvio fatica a ritrovarsi e le ospiti ne approfittano per correre avanti. Cosimo Lo Re chiama time out e al rientro il San Vito inizia ad andare a punti in maniera più regolare. Il set va avanti sul filo dell’equilibrio finché le ospiti chiudono sul 25-23. Il secondo parziale procede sulla falsa riga del primo fino al 9 pari, poi sono la padrone di casa che allungano indirizzando il game dalla propria parte e ristabilendo la parità.


Nel terzo set Botti cambia la diagonale palleggiatrice-opposta avvicendando la Peluso con la Tonelli e la Shopova con la Kvasnytsia e la sua squadra vola subito sul 7-3. Cosimo Lo Re chiama time out e striglia le sue che non riescono ad annullare il distacco dalle ospiti. L’allenatore sanvitese rischia il tutto per tutto facendo entrare il capitano Paola Capuano al posto di una Prado con le polveri bagnate e sul 14-18 dentro Masino per Di Crescenzo e Avramovic per Fanelli. La squadra acquista maggior equilibrio e riesce a recuperare e ad imporsi ai vantaggi. Galvanizzate dal sorpasso, le biancazzurre provano a pigiare ancora sull’acceleratore e vi riescono per buona parte del 4° set che conducono in vantaggio fino al secondo time out tecnico.


Al rientro Parma infila un parziale di 10-3 che demanda ogni decisione al tie-break. La prima metà dell’ultimo set vede le due squadre dividersi i punti, dopo il cambio campo il San Vito ci crede di più e chiude sul 15-10 facendo esplodere il boato del sempre più numeroso pubblico biancazzurro.


Le due squadra hanno dato vita ad una gara molto bella, intensa e ben giocata. La Stamplast ha avuto nella Karalyus (25 punti) e nella Fanelli (19) due pedine fondamentali per il conseguimento di questa vittoria che la proietta al decimo posto. Il resto della squadra ha girato come al solito, le ragazze in panchina si sono fatte trovare pronte seppur non al meglio (vedi Capuano e Masino) e il loro ingresso ha fornito un grosso contributo per il raggiungimento dell’obiettivo.
Parma ha disputato la sua buona gara in un campo ostico con un tifo assordante.


Marco Botti, tecnico del Cariparma: “Sapevamo che sarebbe stata una battaglia; ci è mancata, ad un certo punto, la necessaria lucidità e la freddezza. C’è un po’ di rammarico per non essere riusciti ad espugnare il caldo palazzetto sanvitese”. Cosimo Lo Re, allenatore della Stamplast San Vito: “Forse potevamo raccogliere di più; comunque, abbiamo guadagnato due punti importanti per il nostro obiettivo stagionale”.


STAMPLAST SAN VITO - CARIPARMA PARMA 3-2


STAMPLAST SAN VITO: Corallo ne, Gentile (libero), Catalano 1, Capuano 8, Karalyus 25, Di Crescenzo 3, Prado de Oliveira 7, Vanni 10, Szczygielska 3, Avramovic 6, Masino, Fanelli 19. All. Lo Re


CARIPRAMA PARMA: Arnoldi (libero), Kvasnytsia 3, Conde 12, Grando 10, Breda 5, Cirilli 11, Gibertini, Peluso 1, Bertuletti ne, Tonelli 4, Rossi 11, Shopova 15. All. Botti


ARBITRI: Alessandro Zigoni (Livorno) e Andrea Bellini (Perugia).


NOTE - progressione set: 23-25, 25-22, 26-24, 19-25, 15-10; durata set: 24’, 22’, 24’, 23’, 11’; aces: San Vito 1, Parma 6; battute sbagliate: San Vito 7, Parma 9; muri: San Vito 22, Parma 11; errori punto: San Vito 34, Parma 26.