I lavori per la visita del Papa e la partecipazione delle medie e piccole imprese
domenica 17 febbraio 2008

Brindisi, 17 febbraio 2008.  Ancora una volta sul territorio brindisino stanno per ricadere notevoli risorse finanziarie per avvenimenti straordinari (vedi la visita del Pontefice nel prossimo giugno) o programmati (come l’Area Vasta). Dall’osservatorio neutrale in cui mi trovo mi permetto di segnalare alcune preoccupazioni su un aspetto specifico e non trascurabile della vicenda che è rappresentato dalle modalità di coinvolgimento nell’assegnazione ed esecuzione dei lavori previsti alle aziende interessate.


E’ già stata occasione di polemica sulla stampa in queste settimane la notizia secondo la quale, in merito ai lavori di riqualificazione delle aree del porto di Brindisi per la visita del Papa Benedetto XVI, ancora una volta si rischia di perdere una occasione per coinvolgere le piccole e medie imprese artigianali del territorio rispetto ai lavori che saranno eseguiti. Si legge dalla stampa infatti che la selezione di queste imprese sia stata già sorprendentemente predeterminata circoscrivendo notevolmente la “platea” delle aziende interessate.


Evidentemente le polemiche non erano campate in aria considerato che la procedura per l’assegnazione è stata bloccata ed è stato nominato, nella figura del Prefetto, un commissario ad acta con il compito di gestire questa delicatissima fase. Ed al Prefetto, quindi, ora il compito di consentire che, secondo le regole di mercato, tutte le imprese possano concorrere senza che niente sia stabilito con accordi separati con associazioni di imprese che tendono ad escludere anziché coinvolgere. Tutto ciò per fare in modo che le qualificate aziende artigianali locali non siano sacrificate a svolgere solo e sempre ruoli marginali su qualsiasi progetto di sviluppo del territorio.


Per parte nostra certi che il Commissario ad acta saprà al meglio valorizzare le risorse locali ed in particolare quelle delle aziende meritevoli, anche se piccole o medie, continueremo a vigilare per sostenere ogni azione tesa alla trasparenza ed alla massima partecipazione possibile.



Toni MATARRELLI - consigliere provinciale gruppo PRC