Consiglio Comunale. Mancanza del numero legale, Mennitti pronto alle dimissioni
lunedì 11 febbraio 2008

intervento del sindaco


“La mancanza del numero legale, che non ha consentito lo svolgimento della riunione del Consiglio Comunale, è segnale inequivocabile di un malessere che la maggioranza non riesce a superare.

D’altronde il fenomeno è reso più grave dal progressivo costituirsi di una mappa che non ha più riferimento agli schieramenti emersi dalla consultazione elettorale, avendo i gruppi subito cambiamenti notevoli con la conseguenza di frastagliare il quadro politico e l’insorgere di una serie di nuove sigle.

Considero questa situazione molto grave e debbo constatare come la lunga mediazione condotta dai partiti non abbia determinato risultati apprezzabili, avendo prodotto una sorta di tela che viene tessuta di giorno e disfatta di notte. D’altronde, se la politica si riduce ad una addizione di interessi particolari da soddisfare, il conto è destinato a non tornare mai.

Non mi resta che restituire ai partiti il frutto della loro inutile mediazione e di ricondurre la vicenda alle responsabilità dirette che investono il Sindaco ed all’esercizio dei poteri che la legge gli conferisce.

Pertanto avrò nei prossimi giorni un diretto contatto con i dirigenti di tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione presenti in Consiglio e, ove i gruppi che sinora hanno sostenuto il mio programma non dovessero trovare la capacità di una composizione, adotterò il provvedimento estremo di revocare la Giunta in carica e di costituire un nuovo governo cittadino che affronti le emergenze operative.

Nel caso del suo accoglimento positivo da parte del Consiglio proporrò l’approvazione del bilancio e tutti gli atti di fine consiliatura; in caso contrario assumerò la decisione delle dimissioni”.


Domenico Mennitti