Lunedì 8 e martedì 9 giugno il 1° Incontro Pneumologico Città di Brindisi
lunedì 8 giugno 2009

Si terrà i prossimi lunedì 8 e martedì 9 giugno il 1° Incontro Pneumologico Città di Brindisi  organizzato dall’Unità Operativa Complessa Servizio Pneumologico dell’ASL BR diretto dal dottor Eugenio Sabato. L’appuntamento è presso Tenuta Moreno a Mesagne a partire dalle ore 9.00, rientra nelle attività organizzate dall’ASL BR, in occasione del 2009 Anno del Respiro, volte alla sensibilizzazione ed alla divulgazione della prevenzione delle malattie dell’apparato respiratorio.


Il convegno, composto anche da un corso di fisiopatologia respiratoria, ha per titolo “Asma bronchiale e BPCO (BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva): dall’evidenza scientifica alla pratica clinica”.


I lavori del convegno si apriranno lunedì 8 giugno, con il saluto delle autorità e del presidente del convegno cui seguiranno gli interventi sui seguenti argomenti: “muscolo liscio bronchiale e flogosi nell’asma e nella BPCO”; “rimodellamento vascolarenell’asma e nella BPCO”; “Patologie respiratorie ostruttive e corticosteroidi inalatori: evidenze scientifiche”. La sessione mattutita sarà chiusa dalla Lettura Magistrale “Mechanism of COPD” del dottore Peter Barnes di Londra.


La sessione pomeridiana, con inizio alle ore 15.00, tratterà le seguenti tematiche: “dai meccanismi patogenetici ai test funzionali”; “BPCO: declino funzionale inarrestabile?”; “Management delle patologie respiratorie ostruttive”; “Razionale scientifico nella terapia delle patologie istruttive”.


Si ricorda come la BCPO sia una malattia polmonare progressiva, non completamente reversibile, che ostruisce le vie aeree, rendendo difficoltosa la respirazione. Pazienti con BPCO, inclusi quelli con bronchite cronica ed enfisema, mostrano sintomi che vanno da tosse ed espettorato a mancanza di fiato durante sforzi anche modesti. Il fattore di rischio più importante nella BPCO è il fumo di sigaretta, ma anche quello di pipa, sigaro, e altri tipi di tabacco; anche il fumo passivo contribuisce a scatenare i sintomi respiratori della malattia ma esistono anche altre cause documentate quali polveri e agenti chimici.


Brindisi, 06/06/2009