Scommesse clandestine, sequestro preventivo di 5 società
mercoledì 19 novembre 2014

Stamane, al termine di un’articolata azione di verifica sull’intero territorio provinciale, atteso il sempre più diffuso fenomeno di generici abusi delle attività svolte dai centri di scommesse  bookmaker, agenti in servizio alla Divisione Amministrativa della Questura, unitamente al personale della Squadra Mobile, hanno dato corso al sequestro preventivo delle attrezzature informatiche e della relativa documentazione contabile di 5 società, tutte riconducibili alla Stanleybet Malta Limited.


Il provvedimento, emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi, dott.ssa Tea Verderosa, su richiesta del P.M. dr. M. Dagostino ha interessato, oltre al capoluogo, gli abitati di Ceglie Messapica, San Michele Salentino, Mesagne e San Pancrazio.
 
Ad essere indagati, per violazione degli artt.4 comma 1°, 4 bis e 4 ter della legge n.401 del 1989, sono stati i rispettivi titolari dei centri raccolta scommesse i quali, in assenza di specifica autorizzazione dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e della licenza di Pubblica Sicurezza ex art 88 R.D. n.733/1931rilasciata dal Questore, hanno svolto attività di raccolta e di trasmissione dei dati relativi a scommesse “on line” , nonché servizi di riscossione dai clienti e di accredito delle somme riscosse in favore dell’operatore straniero.


L’operazione di questa mattina, oltre ad attestare il proliferare degli abusi nel settore in argomento, rappresenta e attesta l’impegno che l’Autorità Giudiziaria e la Polizia di Stato stanno profferendo verso il debordante fenomeno del gioco d’azzardo che oggi sta assumendo proporzioni sempre più preoccupanti, anche nella nostra provincia.


Oltre ad evidenti infiltrazioni del crimine organizzato, specificamente quale utile mezzo di riciclaggio, i centri scommesse sono sempre più frequentati da persone affette da ludopatia, una piaga sociale tra le più pericolose del nostro tempo, anticamera del ricorso all’usura.


I controlli degli uomini della Divisione Amministrativa sono proprio indirizzati ad arginare ogni possibile abuso di un sistema sempre più disinvolto che, fidando nella ipotetica vincita solutoria, si traduce spesso nel tracollo finanziario di un’utenza sempre più eterogenea.


Per tali ragioni, il provvedimento di sequestro odierno rappresenta solo un tassello di un’azione di monitoraggio che proseguirà nei prossimi mesi con analogo impegno, sotto il costante coordinamento dell’Autorità Giudiziaria.

mercoledì 19 giugno 2024
SAN PIETRO VERNOTICO - Un grave episodio di incendio doloso ha avuto luogo la scorsa notte a San Pietro Vernotico, in via Vittorio Veneto, dove una Renault Twingo è stata data alle fiamme. Sul posto sono immediatamente intervenuti i ...
mercoledì 19 giugno 2024
Mesagne. Con la scusa di Capo Nord - Libro e aperitivo- Officine Ipogee  MESAGNE, OFFICINE IPOGEE - Mercoledì 19 giugno, dalle 18.30, sarà ospite presso le Officine Ipogee di Mesagne Roberto Urso per la ...
mercoledì 19 giugno 2024
CELLINO SAN MARCO  -  Un episodio preoccupante ha turbato la quiete notturna di Cellino San Marco, avvenuto poco dopo la mezzanotte. Un'auto parcheggiata in via Vittorio Veneto è stata completamente distrutta da un ...
mercoledì 19 giugno 2024
Fabiano Amati, Presidente Commissione Bilancio Regione Puglia, annuncia il primo test che d’à l’avvio alla Carta d’Identità Genetica, grazie alla quale si potranno diagnosticare preventivamente le malattie ...
mercoledì 19 giugno 2024
Il risanamento della rete idrica a Fasano con tecnologie e materiali green Lavori per 2,9 milioni di euro eseguiti da Acquedotto Pugliese per l’ammodernamento delle condotte Con i lavori svolti da Acquedotto Pugliese in ...