Brindisi, “Il Parco: casa tua!”:Legambiente e Azione Cattolica insieme per il Di Giulio
mercoledì 1 maggio 2024

BRINDISI- Nell’ambito del programma che vede Azione Cattolica sostenere nel 2024 le attività di Legambiente in tutta l’Italia, si svolgerà il 4 maggio dalle ore 16 alle 19 a Brindisi l’iniziativa “Il Parco: casa tua!” nel Parco Antonio Di Giulio, questa iniziativa ha lo scopo di richiamare l’attenzione sul degrado che interessa il Parco, sugli atti vandalici che si susseguono anche in danno della scuola materna presente nello stesso Parco e sulla necessità che la cittadinanza e in primo luogo gli abitanti del quartiere Commenda sentano proprio questo bene ambientale e luogo di incontro per famiglie ed amanti della natura.

La presenza di volontari e soprattutto di giovani consentirà di monitorare le tante criticità presenti e di proporre all’amministrazione comunale le soluzioni più idonee. A quanto pare gli atti vandalici sono posti in essere da giovani anche riuniti in gruppi che intimidiscono i sempre più scarsi visitatori del Parco. Sicuramente è necessario ricorrere a sistemi di vigilanza costante e di repressione degli atti vandalici e dei conseguenti reati, ma contemporaneamente è necessaria una cittadinanza attiva nel tutelare e vivere il Parco.

Legambiente, già nel 2016 ha presentato anche attraverso un convegno la proposta di costituzione di un ente parco Brindisi Natura per la gestione di tutti i parchi urbani e di tutte le aree protette presenti nel territorio comunale di Brindisi, la proposta articolata sulla base dell’esperienza costruita dall’ente parco Roma Natura e dall’allora suo presidente Maurizio Gubbiotti fu nuovamente ufficializzata il 4 ottobre 2018, in un incontro con il Sindaco alla presenza del presidente nazionale di Federparchi e garantì il proprio sostegno in caso di costituzione dell’ente parco. Purtroppo, è mancata una organizzazione organica ed efficiente della programmazione della gestione dei parchi cittadini con l’effetto di disperdere finanziamenti attraverso interventi estemporanei: è tipico il caso della masseria Villanova destinata ad essere il centro visite del parco, tutt’ora sulla carta e non tutelato, delle saline di Punta della contessa che dopo la spesa di centinaia di migliaia di euro (pare un milione) è stata nuovamente devastata dai vandali in assenza di una pianificazione e di una gestione delle attività di tutela e valorizzazione del parco.

Legambiente e Azione Cattolico della Diocesi di Brindisi, hanno già ottenuto adesioni per la realizzazione dell’iniziativa ed invitano associazioni, rappresentanze sociali ed istituzionali e semplici cittadini a partecipare sabato 4 maggio dalle 16, in un Parco che per la Città è ancor più per il circolo di Legambiente di Brindisi intestato al dottor Di Giulio, ha una valenza intrinseca ed una legata alla personalità a cui è intestato come ebbe a sottolineare all’atto dell’inaugurazione l’allora Sindaco Mimmo Mennitti.

 

giovedì 20 giugno 2024
Brindisi scommette sullo sviluppo delle attività legate al mare, considerato un motore fondamentale per la crescita del territorio. La città intende promuovere grandi eventi che valorizzino questa risorsa essenziale. Nasce ...
giovedì 20 giugno 2024
Firmato il protocollo d’intesa per lo sviluppo di applicazioni basate sull’Intelligenza Artificiale.  Fastweb e il Comune di Ostuni hanno sottoscritto un Protocollo di Intesa con l’obiettivo di trasformare la ...
giovedì 20 giugno 2024
La Puglia si conferma prima in Italia, per il quarto anno consecutivo, per qualità delle acque di balneazione (eccellenti per il 99,7%), seguita da Friuli Venezia Giulia (99%), Sardegna (98,4%), Toscana (98,2%). È il ...
giovedì 20 giugno 2024
Lo Juventus Club "Andrea Agnelli" di Brindisi ha organizzato un evento speciale, riunendo Stefano Tacconi, Totò Schillaci, Moreno Torricelli e altri protagonisti per promuovere la memoria del tragico evento e l'insegnamento del fair ...
giovedì 20 giugno 2024
MANDURIA - La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un 46enne originario della provincia di Brindisi perché ritenuto presunto responsabile del reato di procurato allarme e simulazione di reato.     ...