Il Ministero della Difesa condannato per la morte da amianto di Aldo Martina
sabato 2 marzo 2024

Il Tribunale di Roma ha emesso una sentenza condannando il Ministero della Difesa per la morte di Aldo Martina, avvenuta nel maggio 2019 a causa del mesotelioma pleurico contratto durante il suo servizio di leva presso il COMOS di Brindisi.

In seguito a questa decisione, il Ministero dovrà erogare un risarcimento speciale di 200.000 euro ai suoi eredi, la moglie Anna e i figli Emiliano e Sarah. Allo stesso tempo, il Ministero dell'Interno è stato condannato al riconoscimento di Martina come "vittima del dovere".

Martina ha subito l'esposizione all'amianto durante il suo servizio militare, svolto presso il COMOS di Brindisi e successivamente presso l'Arsenale Militare Marittimo della Spezia. Come Sottocapo Radiotelegrafista, è stato costantemente a contatto con polveri e fibre di amianto in un ambiente di lavoro privo di adeguate misure di sicurezza. La perizia del CTU ha confermato che Martina era esposto all'inalazione di fibre di amianto aerodisperse nell'ambiente di lavoro, provenienti da varie fonti come apparecchiature di sala macchine, tubolature e vernici usate a bordo. Nel 2018, ha iniziato a manifestare problemi respiratori e successivamente è stato diagnosticato con il mesotelioma, una malattia che ha causato la sua morte nove mesi dopo.

Nonostante le prove schiaccianti, il Ministero della Difesa aveva inizialmente respinto la richiesta di risarcimento, sostenendo che il mesotelioma fosse dovuto a un'esposizione successiva al congedo. La famiglia di Martina ha ottenuto giustizia solo grazie all'azione legale dell'Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (ONA), che ha portato alla luce la verità sulla situazione.

Il rapporto INAIL ReNaM del 2018 ha confermato la presenza di amianto sulle navi, negli arsenali e in tutti gli ambienti della Marina Militare, e l'impiego di questo minerale risale agli anni '60, con più di 2000 casi di mesotelioma registrati tra i lavoratori del settore marittimo e della Difesa militare dal 1993.

L'ONA è attivo nella tutela delle vittime dell'amianto provenienti dalle unità navali della Marina, offrendo consulenza tramite il sito web o il numero verde 800 034 294.

giovedì 23 maggio 2024
Ieri, 22 maggio 2024, il Prefetto di Brindisi, dottor Luigi Carnevale, ha fatto una visita istituzionale al Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi. L’Autorità di governo, accolta dal Comandante Provinciale, Colonnello ...
giovedì 23 maggio 2024
  In una recente intervista l’Onorevole D’ Attis ha espresso il suo disaccordo rispetto alle affermazioni pubbliche del sindaco Marchionna e dell’assessore Bruno. L’onorevole ha detto che la candidatura di ...
giovedì 23 maggio 2024
Fasano, insieme alle sue più note HIT, avrà il piacere di ascoltare la sua nuova opera e di accogliere la grandissima NOEMI lunedi 24 giungo alle ore 22:30, in occasione del concerto chiusura dei festeggiamenti della Festa ...
giovedì 23 maggio 2024
A Cerano, dopo un'assemblea sindacale organizzata da Cgil e Uil, i lavoratori del settore energetico hanno manifestato contro le preoccupazioni legate alla crisi del settore e al futuro incerto della centrale elettrica Federico II. La ...
giovedì 23 maggio 2024
A conclusione della settimana mondiale della tiroide, domenica 26 maggio, dalle 8.30 alle 13.30, medici e farmacisti saranno in Piazza Vittoria a Brindisi per offrire una giornata di screening gratuito ai cittadini per la prevenzione delle ...