Brindisi: un sit-in per la guerra in Ucraina, in Corso Umberto, sabato 24 febbraio dalle 17:30
giovedì 22 febbraio 2024

IL COMITATO CONTRO LE GUERRE DI TERRA DI BRINDISI HA INDETTO UN SIT-IN IN CORSO UMBERTO PER IL SECONDO ANNIVERSARIO DELLA GUERRA IN UCRAINA

Sabato 24 il Comitato Contro le guerre di Terra di Brindisi vi invita a unirvi a noi in un gesto di solidarietà e impegno per la Pace.

In occasione del secondo tragico anniversario della guerra in Ucraina, vogliamo ribadire il nostro appello per un cessate il fuoco immediato, non solo in Ucraina ma anche in Palestina. Il nostro presidio per la Pace che si terrà in Brindisi, Corso Umberto angolo via Conserva sabato prossimo dalle 17:30, sarà collegato idealmente alle tante manifestazioni previste su tutto il territorio regionale, nazionale ed europeo nella stessa giornata.

In questo periodo assai grave, riteniamo sia fondamentale mobilitarci come comunità per esprimere il nostro dissenso nei confronti delle violenze e delle sofferenze in corso. 

La guerra ha un impatto devastante, distruggendo vite umane, comunità e privando intere generazioni di pace e sicurezza, di sogni e di speranze, impegniamoci a promuovere il dialogo fra le Nazioni e la ricerca di soluzioni pacifiche. Chiediamo l’impegno di tutti affinché il messaggio di Pace possa risuonare forte e chiaro.

Non ci sarà giustizia sociale e climatica, lavoro sicuro e dignitoso e piena democrazia in un mondo sempre più in guerra, che usa le risorse per la morte e non per la vita, nel quale la giustizia, il diritto internazionale e umanitario vengono calpestati nell’impunità dei colpevoli.

La guerra non è mai una soluzione e l’orrore non deve diventare un’abitudine.

CHIEDIAMO

la riduzione drastica delle spese militari a favore della spesa sociale, sanitaria, per la tutela ambientale del territorio l’immediato cessate il fuoco in Ucraina e nella Striscia di Gaza, con lo stop europeo al riarmo dell’Ucraina e la contemporanea soluzione politica e non militare della guerra, per porre fine all’illegale occupazione russa e per costruire le condizioni di libertà, democrazia, convivenza e di sicurezza comune per l’Europa intera la liberazione degli ostaggi israeliani e dei prigionieri palestinesi, la fine dell’assedio e dell’isolamento di Gaza, il libero accesso agli aiuti umanitari e l’assistenza alla popolazione palestinese.

Il riconoscimento dello Stato di Palestina, la fine dell’occupazione e della violenza in Cisgiordania la messa al bando delle armi nucleari e la riconversione dell’industria bellica, che sta traendo immensi profitti dalle guerre e dai conflitti armati la promozione di conferenze regionali di Pace sotto l’egida delle Nazioni Unite, per ricostruire convivenza e sicurezza nelle regioni martoriate da guerre in Medio Oriente, in Ucraina e in Africa, che coinvolgono milioni di persone che vengono uccise, espulse dalle proprie case, impoverite, costrette alle migrazioni forzate.

La Pace è un impegno collettivo e ognuno di noi può fare la differenza. Uniamoci per un futuro migliore!

lunedì 15 aprile 2024
Nel cuore del quartiere Bozzano a Brindisi, una scena da film ha scosso la quiete del quartiere.  Un veicolo, guidato da un individuo ancora non identificato, ha compiuto una manovra spericolata, sfondando il distributore di benzina ...
lunedì 15 aprile 2024
In merito alla proposta di candidatura di “Brindisi, Capitale italiana della Cultura 2027”, avanzata dal sindaco Giuseppe Marchionna, Confesercenti della provincia di Brindisi esprime la più totale approvazione ...
lunedì 15 aprile 2024
La Protezione Civile ha diramato un'allerta meteo gialla per la Puglia a causa delle condizioni atmosferiche avverse. Dalle 12 di domani, 16 aprile, e per le successive  12 ore, sono attese precipitazioni sparse, anche ...
lunedì 15 aprile 2024
Riceviamo e pubblichiamo nota  del Presidente della Commissione regionale Bilancio e programmazione Fabiano Amati.    “Termineranno il 5 giugno prossimo i lavori del nuovo ospedale Monopoli-Fasano. Dopo tante date ...
lunedì 15 aprile 2024
Le Fiamme Gialle di Brindisi hanno completato un'operazione anti-evasione contro una concessionaria auto del brindisino. Dal 2018 al 2022, l'azienda non ha presentato le dichiarazioni dei redditi, evadendo completamente le tasse. Senza ...