Gestione rifiuti Brindisi: il Tar di Lecce conferma l’affidamento alla ditta Teorema
giovedì 8 febbraio 2024

BRINDISI - Il Tribunale Amministrativo Regionale di Lecce ha emesso una decisione in merito al ricorso presentato dalla società torinese Teknoservice, riguardante l'assegnazione del servizio di raccolta solidi urbani e di nettezza urbana a Brindisi alla società Teorema. Questo verdetto è stato il risultato di un ricorso avanzato da Teknoservice, la quale si era classificata al secondo posto nella gara d'appalto e aveva contestato l'affidamento del servizio da parte del Comune di Brindisi alla società di Acquaviva delle Fonti. Teknoservice ha sollevato diverse obiezioni, sostenendo che Teorema avesse omesso informazioni rilevanti e presentato un'offerta tecnica che non rispettava le specifiche del capitolato d'appalto.

Il collegio giudicante del Tar di Lecce ha analizzato attentamente tutte le argomentazioni avanzate da Teknoservice e ha respinto ogni contestazione. È stato dichiarato che le omissioni dichiarative contestate non rientravano negli obblighi dichiarativi della società Teorema. Inoltre, le obiezioni riguardanti la previsione di mezzi e la frequenza delle pulizie sono state rigettate, definite come "mere deduzioni" prive di fondamento.

In aggiunta alle contestazioni sollevate da Teknoservice, i suoi legali hanno anche contestato la formulazione dell'offerta tecnica da parte dell'aggiudicataria, sostenendo che essa fosse divergente dalle prestazioni minime previste dal capitolato speciale d'appalto su vari aspetti. Tuttavia, anche queste argomentazioni sono state respinte dai giudici. Riguardo alle omissioni dichiarative, la sentenza recita: "non può ritenersi che tali vicende dovessero essere dichiarate dalla Teorema in sede di gara, non costituendo oggetto di obbligo dichiarativo in capo alla medesima".

Le obiezioni sollevate dalla ricorrente riguardo alle prestazioni previste dall'offerta tecnica sono state anch'esse respinte punto su punto. Ad esempio, Teknoservice ha obiettato la previsione da parte dell'aggiudicataria di un numero inferiore di mezzi lavastrade rispetto a quanto richiesto. Tuttavia, i giudici hanno sostenuto che questa contestazione derivasse da deduzioni non sufficientemente supportate, in quanto la descrizione generale degli aspetti gestionali ed organizzativi non era direttamente correlabile con la quantità assoluta di mezzi lavastrade richiesti per il servizio. Pertanto, la censura è stata definitivamente respinta.

 

Il verdetto sancisce, quindi, la validità della procedura di affidamento. La sentenza ha dichiarato anche inammissibile il ricorso presentato da Teknoservice per motivi aggiunti.

 

lunedì 22 luglio 2024
“PATRIMONI DI PUGLIA”, IL RACCONTO DEI SITI UNESCO NELLA CAMPAGNA DI MARKETING Cinque influencer per promuovere quattro patrimoni Unesco in Puglia e far crescere il turismo di nuova generazione. I numeri sono incoraggianti con ...
lunedì 22 luglio 2024
Riceviamo e pubblichiamo una nota congiunta Gruppo Giovani ANCE Brindisi – Avis Provinciale Brindisi – Avis Comunale Brindisi Si svolgerà giovedì 25 luglio dalle 9.00 alle 12.00, nel piazzale antistante alla sede ...
lunedì 22 luglio 2024
OSTUNI - Palazzo Roma è lieto di annunciare un evento straordinario che si terrà nel cuore di Ostuni. Sabato 10 agosto, in occasione della Notte di San Lorenzo, il contenitore culturale aprirà le porte ...
lunedì 22 luglio 2024
Si è tenuto nei giorni scorsi un importante incontro organizzato da Confesercenti Brindisi riguardante le novità contributive per le aziende e i nuovi controlli dell’Inps. Molto interesse ha suscitato questo meeting per ...
lunedì 22 luglio 2024
Siglato l’accordo tra l’Assessorato regionale al Turismo e il Consorzio di gestione per la valorizzazione del patrimonio naturale di Puglia   Promuovere e sviluppare azioni di turismo sostenibile valorizzando, al ...