Il Cobas chiede a Versalis di revocare le assegnazione a ditte fuori provincia:” Mettiamo fine ai ricatti al nostro territorio.“
mercoledì 7 febbraio 2024

 

BRINDNISI , LAVORO - Il Sindacato Cobas, alla presenza di tanti operai ed impiegati di Tecnogal e Leucci,  ha svolto  il sit in Martedì 6 Febbraio e dopo nella tarda mattinata ha incontrato il Signor Prefetto di Brindisi, Michele La Iacona; riunione dove ha partecipato oltre al Sindacato Cobas un gruppo di lavoratori e rappresentanti delle aziende coinvolte.

Una riunione durata quasi 2 ore dove la delegazione ha   esposto  la difficile situazione che si è venuta a creare per il territorio brindisino con l’affidamento della gara di manutenzione realizzata da Eni-Versalis ad aziende di fuori .

La proposta Cobas  esposta al Prefetto e da sottoporre successivamente ad Eni ed a Versalis  è quella di revocare   la assegnazione alle ditte di fuori e di assegnarlo invece ad un consorzio di ditte brindisine a prezzo di mercato. Uno dei motivi fondamentali della richiesta Cobas è quella di fermare così la corsa al ribasso delle aziende pur di accaparrarsi gli appalti nel Petrolchimico .

Unitamente al fatto che ciò si configurerebbe come una sorta di piccolo risarcimento per un territorio che ha visto solo distruzione ,sfruttamento del territorio e dei nostri lavoratori.  Abbiamo informato il Prefetto che nei prossimi giorni incontreremo il signor Sindaco di Brindisi, Giuseppe Marchionna, affinchè si possa alzare forte la voce della città sulle gare al ribasso ,cosa che avviene ormai da tanti anni .

Il Signor Prefetto di Brindisi, Michela la Iacona , ha  mostrato  interesse alle proposte del Cobas ed ha ascoltato dai lavoratori e dalle stesse aziende  le preoccupazioni  occupazionali relative soprattutto per l’indotto nelle officine esterne .Ma d’altro canto non ritiene  superabili le condizioni odierne dell’appalto attraverso un intervento diretto della Prefettura, perché non ne ha la facoltà di carattere legale.

Seguirà attentamente le vicende occupazionale delle 100 unità presenti nel Petrolchimico e la loro legittimità alla continuità occupazionale; auspicando che alcune nuove aziende avendo personale in cassa integrazione non scatenino una guerra tra poveri. Auspica in proposito la possibilità di percorsi alternativi da condividere che possano portare a migliori risultati  ,cosa di cui si è interessata personalmente .

La riunione si è conclusa con l’impegno della Prefettura a rivedersi qualora maturino condizioni nuove e quella del Cobas che non mollerà sugli obiettivi prefissi  fino all’ingresso delle nuove aziende stabilito per il 30 Aprile.

Per questo il Cobas ha già chiesto un incontro presso la task force occupazionale regionale guidata dal Presidente Leo Caroli, dove chiediamo di invitare i protagonisti della vicenda.

 

Per il Cobas Roberto Aprile e Cosimo Quaranta

mercoledì 24 luglio 2024
SAN VITO DEI NORMANNI - Erika Fornaro, 36 anni, originaria di San Vito dei Normanni, sarà l'unica rappresentante italiana nel ruolo di arbitro internazionale di Taekwondo alle Olimpiadi di Parigi. Dal 7 al 10 agosto, ...
mercoledì 24 luglio 2024
"Le politiche messe in campo dalla Regione Puglia in questi ultimi anni sul tema dell’attrazione degli investimenti rischiano di essere compromesse da una politica nazionale miope che, pur di accentrare potere, ha smantellato un ...
mercoledì 24 luglio 2024
Il Partito Democratico di Brindisi esprime profonda delusione e preoccupazione per la gestione dell’amministrazione comunale riguardo al programma estivo degli eventi. Mentre realtà vicine hanno saputo attrarre visitatori ...
mercoledì 24 luglio 2024
  FASANO - A partire da mercoledì 24 luglio sarà possibile effettuare l’iscrizione al servizio di refezione scolastica per tutti gli alunni frequentanti le scuole dell’infanzia e primaria, a tempo pieno, del ...
mercoledì 24 luglio 2024
Si chiude con un saldo positivo per 566 unità il II trimestre 2024 per le imprese delle province di Brindisi e Taranto. Circostanza confortante, dopo i risultati non buoni dei primi tre mesi dell’anno in corso, ma resta il ...