Questura di Brindisi e DDA di Lecce arrestano 14 persone legate alla SCU: gestivano vasto giro di armi e droga
martedì 12 dicembre 2023
 

 

 

Nelle prime ore di oggi, al termine di complesse e articolate indagini condotte sotto la direzione della Direzione Distrettuale Antimafia del Tribunale di Lecce, la Squadra Mobile di Brindisi e il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, con il supporto della SISCO, della Squadra Mobile di Lecce, e degli equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine di Bari e di Lecce, nonché del Reparto Volo di Bari, hanno proceduto all'arresto di diverse persone. Queste erano gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Lecce.

 

Le indagini, condotte dalla Polizia di Stato e supervisionate dal Sostituto Procuratore della D.D.A di Lecce, la dott.ssa Carmen RUGGIERO, hanno portato all'acquisizione di un solido insieme di prove riguardo all'esistenza e all'operatività di un'associazione criminale dedicata al traffico illecito di sostanze stupefacenti. Questa operava nei territori a nord della provincia di Lecce e a sud della provincia di Brindisi, ed era composta da un gruppo guidato da Salvatore Perrone, noto come "friculino", e un gruppo riconducibile ai fratelli Fabrizio e Gimmi Annis, insieme al loro uomo di fiducia Massimiliano De Marco.

 

L'indagine della Squadra Mobile di Brindisi ha permesso di raccogliere prove concrete sul fatto che i territori di S. Pietro Vernotico, Squinzano e Trepuzzi sarebbero stati controllati da frange storiche della Sacra Corona Unita. Queste frange interagivano tra loro nella gestione, in particolare, del traffico di stupefacenti e armi. Gli investigatori hanno individuato due gruppi operanti su piazze di spaccio distinte ma in interazione sinergica, con reciproche forniture di droga e l'impiego degli stessi pusher in alcune occasioni.

 

Salvatore Perrone, alla testa dell'intera organizzazione, avrebbe fissato il prezzo esclusivo dello stupefacente da lui fornito e i "punti" destinati ai detenuti. L'associazione si rifornirebbe da diversi canali di approvvigionamento, tra cui quelli calabresi, fasanesi e lucani. L'attività investigativa ha portato al sequestro di considerevoli quantità di marijuana, hashish, cocaina ed eroina.

 

Le indagini hanno anche rivelato che alcuni degli indagati, a causa delle loro connessioni criminali con i capi storici detenuti della Sacra Corona Unita nella zona di Brindisi e Lecce, utilizzavano la violenza e la loro fama criminale per costringere al pagamento del cosiddetto "punto" sulla vendita di stupefacenti da parte di terzi.

 

Con elevata probabilità, si è scoperto che i vari gruppi dell'associazione avevano accesso a armi ed esplosivi, come dimostrato dal sequestro di un fucile mitragliatore israeliano di tipo IMI Uzi e altri armamenti. Contestualmente agli arresti, sono state eseguite perquisizioni personali e domiciliari.

Questi sono i nomi dei 14 arrestati che saranno condotti in carcere. Salvatore Perrone, 57enne di Trepuzzi; Massimiliano De Marco, 52enne di San Pietro Vernotico; Carlo Coviello, 46enne di Trepuzzi; Stefano Elia, 48enne residente a Casalabate (marina di Trepuzzi e Squinzano); Marcella Mercuri, 47enne di Sannicola; Alessio Catania, 39enne di Trepuzzi; Luana Perrone, 39enne di Trepuzzi; Vincenzo Catalano, 44enne di Trepuzzi; Massimiliano Renna, 49enne di Trepuzzi; Antonio Monticelli, 45enne di Campi Salentina; Luigi Giordano, 52enne di San Pietro Vernotico; Raffaele Pietanza, 42enne di San Pietro Vernotico; Cesare Sorio (detto Alberto); 36enne di San Pietro Vernotico; Giovanni Caputo, 41enne di San Pietro Vernotico.

Risultano indagati a piede libero: Fabrizio Annis, 42enne di San Pietro Vernotico; Gimmi Annis, 41enne di San Pietro Vernotico; Maurizio Carratta, 58enne di Brindisi; Giampaolo Elia, 23enne di Torchiarolo; Elvis Gabaj, 36enne cittadino albanese residente a Trepuzzi; Cristian Lazzari, 40enne di Trepuzzi; Maria Dayana Marchello, 28enne di Lecce; Mosè Monticelli, 28enne di Novoli; Marco Palma, 32enne di San Pietro Vernotico; Alessio Serratì, 30enne di San Pietro Vernotico; Mauro Vitale, 30enne di San Pietro Vernotico.

 

lunedì 17 giugno 2024
Il National Indoor Stadium di Pechino, Cina, è stato lo scenario di un evento straordinario lo scorso weekend: il 2° BOC World Open Dance. Tra le luci scintillanti e il ritmo travolgente della musica latina, due talentuose ...
lunedì 17 giugno 2024
Nell'ambito dei compiti istituzionali dei Carabinieri Forestali ed a seguito dell'accordo sottoscritto con la Regione Puglia, prosegue l'impegno nell'attività di contrasto al fenomeno degli incendi boschivi sul territorio regionale ...
lunedì 17 giugno 2024
Pubblichiamo la nota di Fabio Conestà, segretario generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).   «In qualità di segretario generale del Mosap e a nome di tutta la segreteria nazionale, ...
domenica 16 giugno 2024
METEO  - L'anticiclone nordafricano "Minosse" porterà una settimana di clima tipicamente estivo su tutto il territorio italiano, iniziando dalle regioni meridionali.  Anche in provincia di Brindisi il meteo sarà ...
domenica 16 giugno 2024
CONFESERCENTI BRINDISI - Dopo il successo del G7, il summit tra i leader dei paesi più importanti del mondo, che ha visto il suo momento conviviale più alto con la cena presso il Castello Svevo del capoluogo, Confesercenti ...