PRI Brindisi: quale futuro per la centrale ENEL di Cerano?
mercoledì 6 dicembre 2023
 

La notizia dell’ennesima convocazione di un tavolo per discutere del futuro della centrale ENEL di Cerano, questa volta ad opera della Regione, lascia francamente perplessi.

Verrebbe da dire che ha ragione chi sostiene che con tutti questi tavoli aperti sulle diverse vertenze che vedono protagonista la nostra città forse sarebbe il caso di ospitare una fabbrica dell’IKEA!

Tanto più che spesso si tratta di tavoli inconcludenti.

Da una analisi del piano industriale presentato da ENEL emerge con tutta chiarezza la volontà del colosso energetico di abdicare alla produzione di energia sul nostro territorio se si fa eccezione per due impianti fotovoltaici di ridotta potenza e della realizzazione di un sistema di accumulo “Bess”.

Gli impegni sula logistica sono quanto mai generici e comunque condizionati dalla realizzazione di nuove banchine.

La richiesta di realizzare una centrale alimentata a metano sembra una battaglia di retroguardia che rischia di essere solo un elemento di distrazione di massa atteso che ENEL ha più volte chiarito che non intende perseguire questo investimento  a prescindere dalla circostanza che Terna riveda la sua decisione circa l’inserimento del sito di Cerano tra quelli attraverso cui – con l’utilizzo del gas – si può garantire una sicurezza energetica al paese.

Pare addirittura anacronistica la posizione di coloro che sollecitano il governo ad assegnare ad Enel i fondi del PNRR per realizzare un impianto a turbogas nel sito di Cerano.

Quello che andrebbe da subito chiesto ad ENEL dovrebbe essere la presentazione di un piano di decommissioning che preveda lo smantellamento della centrale e del nastro trasportatore, il disinquinamento dei terreni circostanti la centrale o un progetto di loro riutilizzo per ospitare impianti di produzione di energia rinnovabile.

E’ bene ricordare, infatti, che dal piano di caratterizzazione ambientale del Sito di Interesse Nazionale di Brindisi, esteso migliaia di ettari, è emerso che lo stato di contaminazione rilevato consentirebbe in quell’area solo la coltivazione di specie vegetali per la produzione di biomassa o la produzione di energia mediante conversione fotovoltaica.

E’ quindi il caso di fare meno chiacchiere, di convocare meno tavoli e di inchiodare ENEL alle sue responsabilità nei confronti di un territorio che per decenni ha garantito l’approvvigionamento energetico all’intero Paese.

E di chiedere al Governo ed alla Regione di stanziare fondi adeguati per garantire un effettivo processo di riconversione industriale dell’area di Brindisi.

LA SEGRETERIA CITTADINA PRI

IL GRUPPO CONSILIARE

lunedì 15 aprile 2024
Nel cuore del quartiere Bozzano a Brindisi, una scena da film ha scosso la quiete del quartiere.  Un veicolo, guidato da un individuo ancora non identificato, ha compiuto una manovra spericolata, sfondando il distributore di benzina ...
lunedì 15 aprile 2024
In merito alla proposta di candidatura di “Brindisi, Capitale italiana della Cultura 2027”, avanzata dal sindaco Giuseppe Marchionna, Confesercenti della provincia di Brindisi esprime la più totale approvazione ...
lunedì 15 aprile 2024
La Protezione Civile ha diramato un'allerta meteo gialla per la Puglia a causa delle condizioni atmosferiche avverse. Dalle 12 di domani, 16 aprile, e per le successive  12 ore, sono attese precipitazioni sparse, anche ...
lunedì 15 aprile 2024
Riceviamo e pubblichiamo nota  del Presidente della Commissione regionale Bilancio e programmazione Fabiano Amati.    “Termineranno il 5 giugno prossimo i lavori del nuovo ospedale Monopoli-Fasano. Dopo tante date ...
lunedì 15 aprile 2024
Le Fiamme Gialle di Brindisi hanno completato un'operazione anti-evasione contro una concessionaria auto del brindisino. Dal 2018 al 2022, l'azienda non ha presentato le dichiarazioni dei redditi, evadendo completamente le tasse. Senza ...