La Soprintendenza boccia il piano portuale: “No a crociere e cantieri navali vicino a Forte a Mare”
venerdì 27 ottobre 2023

BRINDISI – L'organo periferico del Ministero della Cultura ha manifestato una posizione fortemente critica riguardo allo strumento pianificatorio proposto dall'ente portuale per promuovere lo sviluppo infrastrutturale del porto. Secondo il parere della Soprintendenza, l'approccio alla pianificazione sembrerebbe orientato verso una graduale riduzione della superficie d'acqua, con conseguenze radicali sulla struttura storica del bacino portuale e alterazioni irreversibili del rapporto tra i monumenti e l'area portuale, nonché con gli elementi naturalistici.

Se le argomentazioni della Soprintendenza venissero considerate, coloro che subirebbero le conseguenze maggiori sarebbero in primis gli investitori privati nel settore cantieristico navale. Nel Piano di Recupero e Valorizzazione (Prp), è prevista una potenziamento dell'area a sud-ovest del porticciolo turistico (già sede di cantieri navali) mediante la creazione di strutture a mare per estendere le attività alle navi di dimensioni superiori a quelle attuali.
Questo progetto, tuttavia, viene considerato dalla Soprintendenza come fonte di "forte criticità", dato che l'area si trova a soli 350 metri dal Forte a Mare.

Invece di un potenziamento della zona cantieristica, la Soprintendenza propone la delocalizzazione dei cantieri per consentire una migliore valorizzazione del Forte a Mare. Inoltre, la realizzazione di un terminal crociere alla base della diga di Punta Riso viene vista come problematica, poiché la presenza frequente di navi da crociera potrebbe generare un moto ondoso con potenziali effetti negativi sul complesso monumentale, e un'eccessiva concentrazione di flussi turistici potrebbe impattare sull'attività di gestione e valorizzazione del Forte.

La Soprintendenza esprime preoccupazione anche per l'ampio banchinamento attorno al promontorio di Punta delle Terrare, il più antico insediamento documentato a Brindisi. L'implementazione delle infrastrutture portuali trasformerebbe l'area archeologica in uno spazio a servizio delle attività portuali, causando un grave danno alla valenza culturale e paesaggistica del bene.

Infine, la Soprintendenza considera "fortissima criticità" l'ampliamento delle superfici a terra previsto a Capo Bianco, poiché ciò comporterebbe una considerevole diminuzione della superficie d'acqua.

giovedì 20 giugno 2024
Il Duc Brundisium organizza per domenica 23 giugno, a partire dalle ore 20, sulla suggestiva Scalinata Virgilio del capoluogo brindisino, il Brindisi Fashion Award, un evento di altissimo livello pensato per far conoscere alla ...
giovedì 20 giugno 2024
Brindisi scommette sullo sviluppo delle attività legate al mare, considerato un motore fondamentale per la crescita del territorio. La città intende promuovere grandi eventi che valorizzino questa risorsa essenziale. Nasce ...
giovedì 20 giugno 2024
Firmato il protocollo d’intesa per lo sviluppo di applicazioni basate sull’Intelligenza Artificiale.  Fastweb e il Comune di Ostuni hanno sottoscritto un Protocollo di Intesa con l’obiettivo di trasformare la ...
giovedì 20 giugno 2024
La Puglia si conferma prima in Italia, per il quarto anno consecutivo, per qualità delle acque di balneazione (eccellenti per il 99,7%), seguita da Friuli Venezia Giulia (99%), Sardegna (98,4%), Toscana (98,2%). È il ...
giovedì 20 giugno 2024
Lo Juventus Club "Andrea Agnelli" di Brindisi ha organizzato un evento speciale, riunendo Stefano Tacconi, Totò Schillaci, Moreno Torricelli e altri protagonisti per promuovere la memoria del tragico evento e l'insegnamento del fair ...