Emiliano a Brindisi per accogliere la nave di medici senza frontiere
venerdì 7 aprile 2023
 

Ha ormeggiato questa mattina intorno alle 7 nel porto interno di Brindisi la nave Geo Barents di Medici Senza Frontiere, dopo il salvataggio di 339 persone su un peschereccio alla deriva nelle acque internazionali vicino Malta.

Sul posto si è recato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. La prima assistenza sanitaria ai migranti è stata garantita dal Servizio di Emergenza Urgenza della Asl Brindisi: ad accoglierli come Pma, posto medico avanzato, due strutture con 28 posti letto complessivi e un'équipe di tre medici, otto infermieri e dieci soccorritori. Presenti anche due ambulanze della Asl.

 

Circa cento volontari della Protezione Civile pugliese hanno garantito supporto e assistenza a tutte le forze dell’ordine coinvolte nell’attività di accoglienza, programmate in stretta collaborazione con le istituzioni locali durante gli incontri avvenuti in Prefettura nei giorni scorsi. 

 

“Questo lavoro di squadra è una normalità che diventa eccezionale: questa volta i numeri sono enormi. Stavolta il salvataggio in mare ha messo in pericolo non solo i migranti ma anche i nostri operatori”, ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano giunto sulla banchina per verificare le operazioni di accoglienza.

“La cosa che dispiace – ha aggiunto – è non riuscire a mettere a punto un sistema che eviti questo tipo di arrivi. Un sistema che avevamo messo a punto molti anni fa con i nostri fratelli e sorelle dell’Albania e che era molto più semplice, quando ci rendemmo conto che bloccare le partenze era impossibile, bisognava regolarle e consentire che il viaggio non fosse più un reato. Se è un reato, lo consegni alle organizzazioni criminali. Per battere gli scafisti, bisogna fare in modo che partenze e arrivi non siano un reato, realizzando la profilatura dei lavoratori che servono e concedendo a queste persone il tempo necessario sul territorio nazionale per verificare se riescono a rimanere essendoci un bisogno lavorativo e una possibilità di integrazione. Tutto questo crolla sulla legge Bossi-Fini che rende il viaggio una merce per scafisti e poi bisogna salvare delle vite in mare, mettendo a repentaglio anche i soccorritori. È difficilissimo trasbordare quasi quattrocento persone, con mamme, bambini, persone deboli o ammalate, da una nave alla deriva nel mare in tempesta sulla Geo Barents, e meno male che era lì. Così rischiano la vita tutti”.     

 

Il presidente Emiliano ha ringraziato il Prefetto Michela La Iacona, gli operatori impegnati nelle varie attività, ed è poi salito a bordo della nave Geo Barents per ringraziare anche tutti i volontari di Medici senza frontiere. 

 

Sul molo di S. Apollinare, questa mattina, ha seguito tutte le operazioni anche il presidente del Comitato regionale per la Protezione Civile Maurizio Bruno: “Voglio sottolineare la disponibilità all’accoglienza di tutto il territorio brindisino e della sua comunità, che aveva già dato prova di sensibilità e umanità negli anni ’90 con gli albanesi. È un punto di forza di questa terra”. 

 

“Su autorizzazione della Regione Puglia forniamo assistenza alla Prefettura di Brindisi – ha spiegato Giannicola D’Amico, coordinatore Protezione Civile Brindisi - Abbiamo in campo cento volontari nelle 24 ore per il supporto alle forze dell’ordine, ai migranti e anche agli operatori del 118.

È un’attività che abbiamo rodato negli anni e che affrontiamo anche oggi”.

 

Per il Commissario straordinario della Asl Brindisi, Giovanni Gorgoni, “rispetto allo sbarco della nave di Emergency abbiamo raddoppiato lo sforzo con due ospedali da campo da 14 posti letto l'uno. Per alcuni migranti è stato disposto il trasferimento al Perrino, nel modulo Covid del Pronto soccorso, o nei singoli reparti".

 

Il direttore del 118, Massimo Leone, ha sottolineato che "sono stati visitati 21 migranti, dei quali sei sono stati portati al Perrino. Tre sono risultati positivi al Coronavirus e rimarranno nella zona Covid del Pronto soccorso fino a negativizzazione; uno presenta una frattura alla mano e un altro problemi neurologici agli arti inferiori: entrambi sono in attesa di ricovero. Il sesto, invece, dopo esami radiologici negativi per sospetta frattura è stato dimesso e riportato nella zona di sbarco".

giovedì 25 luglio 2024
San Raffaele, Amati: “Asl chiede rispetto dei tetti e la Fondazione replica che gli extra-tetti li ha autorizzati il Tar. Vuol dire che i ricoveri in più li pagherà il Presidente del Tar?”Dichiarazione del ...
giovedì 25 luglio 2024
Durante un volo Ryanair da Londra a Brindisi, un bambino di 9 anni si è ustionato gravemente rovesciandosi del tè bollente addosso, causando un'emergenza a bordo. L'aereo ha effettuato un atterraggio di emergenza a Memmingen, ...
giovedì 25 luglio 2024
SAN VITO DEI NORMANNI - Il Prefetto di Brindisi, S.E. Luigi Carnevale, è stato in vista istituzionale, questa mattina, nella Città di San Vito dei Normanni. Ad accoglierlo nell’aula consiliare aperta per la prima volta ...
giovedì 25 luglio 2024
  È stato pubblicato l’annuale rapporto sull’incidentalità stradale redatto dal Centro Monitoraggio Sicurezza Stradale dell’Asset, basato sui dati raccolti e trasmessi all’ISTAT. Nel 2023, in ...
giovedì 25 luglio 2024
  SAN VITO DEI NORMANNI: UN'ESTATE RICCA DI EVENTI E ATTIVITÀ CON L'INFOPOINT Scopri il territorio, immergiti nella cultura e nella tradizione con le proposte gratuite dell'Infopoint di San Vito dei Normanni! L'estate a San ...