Duplice omicidio di Serranova: Cosimo Calò ha confessato, ed è stato portato nel carcere di Brindisi
giovedì 9 marzo 2023

AGGIORNAMENTO:

Cosimo Calò, 84 anni, ha confessato di aver ucciso a fucilate il fratello Antonio Calò, 70enne, e la moglie di quest’ultimo, Caterina Martucci, 64.

Il movente? una eredità da 100mila euro ed un casolare ereditato da  Antonio, proprio il fratello ucciso.

Dopo la confessione e le formalità di rito, Cosimo Calò, 84 anni, è stato condotto in carcere a Brindisi, con l’accusa di omicidio volontario, con l’aggravante della premeditazione e e del rapporto di parentela con Antonio, una delle due vittime.

 

 L’avvocato di Cosimo, Carmela Roma, ha dichiarato che “il suo assistito è molto confuso ed ha preso coscienza di quello che ha fatto”. 

________________________

 

Nel pomeriggio di oggi, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Vito dei Normanni (BR) hanno proceduto di indiziato di delitto disposto dal PM della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi del presunto responsabile del duplice omicidio di contrada Serranova di Carovigno (BR). L'arresto di C.C, 84enne di San Vito dei Normanni, arriva dopo una intensa attività investigativa tradizionale e tecnica posta in essere nei giorni immediatamente successivi al rinvenimento dei cadaveri dei due coniugi, condotta dai Carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Brindisi e sviluppata attraverso numerose escussioni di familiari e conoscenti delle vittime, l'acquisizione dei sistemi di videosorveglianza dell'intera zona interessata dagli eventi, intercettazioni telefoniche e ambientali, nonché la ricostruzione degli spostamenti delle varie persone di interesse investigativo.

Nella mattinata odierna, all'esito dell'ennesima convocazione in caserma, nel corso dell'interrogatorio, alla presenza del difensore di fiducia, l'84enne ha reso ampia confessione, dichiarando di avere ucciso il fratello Antonio e la cognata Caterina Martucci la sera del 28 febbraio 2023 per rancori risalenti nel tempo eragioni economiche.

 

 

 

Il fermato è indagato per duplice omicidio volontario aggravato dal rapporto di parentela con una delle vittime.

lunedì 27 maggio 2024
È stato arrestato uno dei tre uomini presenti durante l'agguato a I.M., una 47enne brindisina che ora versa in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva del "Perrino" di Brindisi. Si tratta del cognato A.S., 50 anni. Il ...
lunedì 27 maggio 2024
BRINDISI IN BICICLETTA 2024  - Ci sono circa 800 (ottocento) buoni motivi per decretare il successo della XXXVII Edizione di “Brindisi in bicicletta”. È infatti proprio questo il numero di iscritti che il Raduno ...
lunedì 27 maggio 2024
Pubblichiamo la risposta di Sergio Pasquantonio, Presidente della Fondazione San Raffaele, al Consigliere Amati   "In relazione al comunicato del Consigliere regionale Fabiano Amati nel quale vengono rivolte infondate accuse alla ...
lunedì 27 maggio 2024
Il Comitato di Brindisi della Croce Rossa Italiana è lieto di annunciare i risultati delle elezioni tenutesi il 19 maggio scorso per il rinnovo del Presidente e del Consiglio Direttivo. Con grande soddisfazione, è stata ...
lunedì 27 maggio 2024
Una donna di 47 anni, residente a Brindisi è stata aggredita a colpi di arma da fuoco dall’ex cognato. La donna, I.M.,  pare abbia incontrato l’uomo sulla complanare della strada statale 7, che collega Brindisi a ...