"Verdi in jazz": Ottaviano e Di Modugno in concerto nel foyer del teatro Verdi
mercoledì 8 febbraio 2023
Un concerto nel foyer del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Il quarto e ultimo appuntamento del festival “Verdi in Jazz” - in programma venerdì 10 febbraio alle ore 19.00 - vede protagonista il “Pinturas duo” con Roberto Ottaviano e Nando Di Modugno, una fusione di energia tra un calice di vino e una rotta sonora che valorizza la creatività e la personalità degli artisti in scena.  Il festival è organizzato dal Teatro Pubblico Pugliese e dalla Fondazione Nuovo Teatro Verdi ed è parte integrante dell’offerta del politeama brindisino per la stagione 2022-23, un viaggio trasversale nella vocazione multidisciplinare del teatro. L’ultimo concerto del festival sarà anche un incontro tra la musica e il vino offerto al pubblico da Tenute Lu Spada.


Con la loro grammatica Jazz, i due musicisti disegnano paesaggi e storie immaginarie. I colori si diffondono sopra una infinita tavolozza fatta di musiche celebri, da Ravel a Veloso, da Towner a Shankar, che restano legate all’idea di un messaggio nella bottiglia. Sax e chitarra si intrecciano in un percorso pieno di alchimie e sfumature musicali che spaziano dal Jazz classico alle radici etniche, dalla canzone pura ai grandi classici in un continuo gioco di rimandi, ammiccamenti e divertimento. Due ospiti che vedono nel Jazz un linguaggio chiave, pieno di contaminazioni espressive e libertà di improvvisazione, capace di schiudere inattesi orizzonti musicali.

Voglia di conoscere e giocare con i suoni sono infatti il mantra del “Pinturas duo”. E se il gioco è la cosa più seria al mondo, i due musicisti, da anni amici e colleghi sul palco, si misurano con il loro portato culturale grazie al terreno fertile del Jazz, che diventa strumento per dipingere note, ‘pennello’ con cui raccontare e costruire mondi. Una grande distesa policromatica disseminata di brani celebri, in cui i fiati del sax e le corde della chitarra si intrecciano in una trama fatta di sonorità evocative. L’incontro elettivo che lega i due virtuosi in imprevedibili interplay crea un programma eterogeneo che avanza sul limen della contaminazione culturale e musicale regalando atmosfere cariche di energia e di vitalità. Un affresco dinamico proiettato al di là dei confini territoriali anche se profondamente allignato nell’archetipo del Sud.

I due artisti non hanno bisogno di presentazioni, considerate le ricche discografie e i numerosi riconoscimenti. Roberto Ottaviano, compositore e sassofonista, vanta studi con maestri di spicco del panorama musicale come Federico Mondelci e Steve Lacy, Bill Russo e George Russell, oltre che una intensa attività concertistica in Europa, Stati Uniti, Israele, Brasile, Messico e Asia, assieme a collaborazioni con alcuni dei più importanti musicisti di caratura internazionale. Una carriera anche da didatta a Woodstock in Usa, al Conservatorio di Città del Messico, alla Musikhochschule di Vienna. Dal 1989 Ottaviano è titolare della cattedra di Musica Jazz al Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari. «Con grande tenacia e lungimiranza prosegue nella sua fervida attività di ricerca»: con questa motivazione la giuria di Top Jazz 2022, il referendum annuale indetto dalla rivista Musica Jazz, ha conferito al sassofonista e compositore pugliese il riconoscimento di musicista italiano dell’anno. Ottaviano, da sempre legato a una visione del Jazz quale spazio di sperimentazione senza confini, ha conquistato anche il quarto e l’undicesimo posto come formazione dell’anno con il quintetto Eternal Love e in duo con Alexander Hawkins. «Senza retorica o ipocrisia, il mio impegno, oltre qualsiasi referendum, è sempre stato costante, e per come sono fatto alla mia età, è ancora una battaglia, perché non riesco a scindere il gesto musicale da quello umano prima ancora che sociale, e questa è un epoca in cui faccio sempre più fatica a riconoscermi», ha scritto Ottaviano sui social commentando la notizia.

 

Nando Di Modugno, uno dei chitarristi più rappresentativi della scena classica e Jazz internazionale, è docente di chitarra al conservatorio di Bari e annovera studi con Linda Calsolaro, allieva del leggendario chitarrista spagnolo Andrés Segovia e figlia di Vincenzo, tra i maggiori rappresentanti della tradizione di barbieri-musicisti nel Salento del secolo scorso. La familiarità con la musica d’arte della scuola spagnola e un’appassionata curiosità per la letteratura chitarristica delle varie epoche storiche lo hanno indirizzato verso una carriera che lo vede al fianco di artisti dello spessore di Nicola Piovani e Fabrizio Bosso e che, in passato, ha incrociato l’universo poetico di Ennio Morricone.

domenica 14 aprile 2024
“Brindisi – Comune a sostegno dei donatori di vita". È il messaggio che da oggi, domenica 14 aprile 2024, è riportato sui pannelli stradali integrativi installati nelle strade di accesso alla città di ...
domenica 14 aprile 2024
A partire da martedì 16 aprile 2024, sarà avviato il percorso cosiddetto di “migrazione” delle chiamate di emergenza provenienti dai distretti telefonici 080 (Bari) e 0831 (Brindisi) sul Numero Unico di Emergenza ...
domenica 14 aprile 2024
Nella mattinata di ieri , sabato 13 aprile, un evento insolito è accaduto via Fratelli Bandiera a Francavilla Fontana, nei pressi della scuola secondaria di primo grado "Virgilio".  Due scippatori ha tentato di rubare la ...
domenica 14 aprile 2024
Nella tarda serata di ieri 13 aprile, un grave incidente ha sconvolto la strada statale 379, arteria che collega Brindisi a Bari. Lungo la carreggiata nord, in direzione Bari, nei pressi dello svincolo per Pantanagianni, marina di ...
sabato 13 aprile 2024
L'evento si è verificato nella tarda mattinata  di oggi sabato 13 aprile , all'incrocio tra la strada che porta all'ospedale Perrino verso il il centro commerciale sulla strada per Lo Spada. Nell'impatto sono stati ...