I sindacati chiedono il ritiro del provvedimento che ammette "Medici senza requisiti in Pronto soccorso”.
lunedì 2 gennaio 2023
I sindacati chiedono la revoca immediata del provvedimento con cui l’Asl Brindisi ha chiesto alla Regione Puglia il riconoscimento dello stato di emergenza per la carenza di medici che affligge i Pronto soccorso degli ospedali di Brindisi, Francavilla Fontana e Ostuni, ottenendo delle deroghe ai criteri ordinari nell’assegnazione dei medici in Pronto soccorso. L’istanza è stata messa nero su bianco in una nota a firma dei rappresentanti di: Fp Cgil, Anaao Assomed; Aaroi Emac; Fvm; Cimo; Fesmed; Cisl Medici; Fassid; Uil Fpl.

Tutto ciò non sta bene ai sindacati, che ritengono “illegittimo” il provvedimento dell’azienda sanitaria brindisina. 

Nella nota congiunta i sindacati affermano:

 “Come è universalmente noto i dirigenti medici sono assunti in servizio all’ esito di procedure concorsuali che, tra l’altro, identificano preventivamente la disciplina e la correlata unità operativa presso la quale il selezionato è chiamato a svolgere la propria attività professionale.
Il possesso della titolarità del diploma specialistico è condizione per l’ammissione alla selezione e la indicazione della unità operativa presso la quale sussiste la vacanza da colmare costituisce oggetto specifico del bando: tanto che il contratto individuale di lavoro lo prevede espressamente.

Non è quindi ammessa la modifica unilaterale di uno dei requisiti essenziali della selezione concorsuale, prima, e del contratto di lavoro, non costituisce inoltre argomento vincente l’utilizzo dell’istituto della mobilità di urgenza per come esso è declinato nella contrattazione collettiva.

E ciò sia dal punto di vista oggettivo (la penuria di dirigenti medici in pronto soccorso è circostanza che ha origini risalenti nel tempo, che non è mai stata affrontata in termini strutturali: tutto ciò esclude che si versi nelle condizioni descritte dall’art. 16 Ccnl 10.2.14), sia dal punto di vista soggettivo (la mobilità di urgenza presuppone la identità di disciplina e ne esclude l’utilizzabilità le volte in cui essa renda impraticabile lo svolgimento dell’ordinaria attività istituzionale nelle unità operative destinatarie della mobilità)”.

“Infine si palesa del tutto ingiustificato il richiamo, peraltro neppure menzionato in precedenti note regionali stante la loro genericità, alla titolarità di specializzazione in discipline affini e/o equipollenti. Lo stesso richiamo alle tabelle di cui al Dm 30.1998 tradisce la fallacia dell’argomento: quelle tabelle sono infatti funzionali ad identificare i titoli di studio necessari per la partecipazione alla selezione concorsuale per il posto vacante che identifica la disciplina della successiva operatività; non rendono intercambiabile il possesso di specializzazioni in discipline diverse nello svolgimento di prestazioni ontologicamente disomogenee”. 

E insistono i sindacati: “ancor meno giustificabile appare, da questo punto di vista la possibilità di destinare ai Pronto soccorso medici senza specializzazione. Non si comprende, poi, fra le ipotesi richiamate dalla Asl Br, per quale motivo, per l’assegnazione al Ps dei medici in non esclusività di rapporto, la Asl chiederebbe la disponibilità mentre per i medici in esclusività di rapporto si invia una perentoria disposizione di servizio! Da ultimo, ma non perciò di secondaria importanza, resta il potenziale pregiudizio cui, operando come preteso, si espongono l’utenza, da un lato, e i professionisti dall’altro.
Il Ps, spesso impropriamente utilizzato, costituisce pur sempre la porta di ingresso più frequentata per accedere ai servizi di diagnosi e cura appannaggio Istituzionale del Sistema sanitario nazionale.
Sarebbe di per sé intollerabile prendere atto del fallimento dell’alleanza utenza/servizio a causa della oggettiva incapacità dell’organizzazione di fornire risposte tanto doverose quanto inadeguate e della soggettiva specifica competenza di chi è chiamato allo svolgimento di compiti che non sono quelli per cui è stato assunto, che lo espongono a rischio di potenziali errori e richieste di risarcimento non coperti dalle polizze assicurative”. 

 

lunedì 24 giugno 2024
CAROVIGNO -  Mercoledì 3 luglio alle ore 19:00, presso il Castello Dentice di Frasso di Carovigno, verrà inaugurata la mostra "Nelle nostre stanze" di Giuseppe Ciracì, promossa dall’Associazione Le Colonne ...
lunedì 24 giugno 2024
L’assemblea dei soci della STP di Brindisi ha approvato all’unanimità, in data odierna ed alla presenza del Presidente della Provincia Toni Matarrelli e del Sindaco di Brindisi Giuseppe Marchionna, il Bilancio di ...
lunedì 24 giugno 2024
Riveciamo e pubblichiamo ocmunicato stampa - "La FP CGIL Brindisi denuncia la difficile situazione riguardo a quanto sta accadendo: bandi deserti e nessuna governance del sistema o programmazione organizzativa per i servizi esternalizzati ...
lunedì 24 giugno 2024
BRINDISI - LAVORO - 75 annunci di lavoro per 165 figure professionali: è il dato registrato nella settimana dal 17 al 24 giugno relativamente alla ricerca di personale nell’ambito territoriale di Brindisi ed inserito nel ...
lunedì 24 giugno 2024
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Movimento 5 Stelle di Brindisi   Richiesta di Interpellanza al Nuovo Parlamento Europeo sul Progetto di Deposito Gas GNL di EDISON al Porto di Brindisi.In seguito alla recente ...