Emiliano incontra Conte e si rafforza l’alleanza.
Tuesday, December 13, 2022

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha incontrato il Presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte alla presenza del Vice Presidente Nazionale Mario Turco, del Coordinatore Regionale Leonardo Donno e del gruppo consiliare della Regione Puglia composto dal capogruppo Marco Galante, dal Vicepresidente del Consiglio Regionale Cristian Casili, dalla Consigliera delegata alla Cultura Grazia Di Bari e dall’assessore al welfare Rosa Barone.

Emiliano ha dichiarato:  “Oggi è stato ribadito il profondo rapporto di collaborazione e di reciproca lealtà tra la mia amministrazione ed il M5S che costituisce una delle componenti fondanti del Governo della Regione Puglia.

Ringrazio il presidente Conte per la visita di oggi a Bari, densa di significato per il momento in cui è avvenuta a pochi giorni dall’iniziativa subita dal PD e dalla Maggioranza ad opera di forze politiche ostili al Governo progressista della Puglia. In questi anni di lavoro comune abbiamo avuto modo di apprezzare lo stile e la sostanza del M5S, che assieme al Partito Democratico pugliese e alle liste civiche Con Emiliano, Popolari per Emiliano, Per la Puglia, Sinistra Italiana e Verdi, ha messo a punto un programma di governo rivoluzionario e condiviso fondato sul reciproco rispetto”.

 “La nostra intesa è forte e duratura perchè fondata su programmi, valori e stile politico condiviso, e non su interessi puramente elettorali o di potere” ha aggiunto Emiliano. “Ringrazio Giuseppe Conte anche per avere preso con i lavoratori di Baritech l’impegno ad aiutarli ad ottenere dal Governo una proroga della Cassa Integrazione che ci aiuterebbe a risolvere la crisi aziendale. Essere andato come ho fatto io a trovare gli operai in lotta davanti ai cancelli della fabbrica per evitarne la cessione, è stato un gesto che non dimenticheró” ha concluso Emiliano che ha ribadito la naturale convergenza politica che esiste nella maggioranza di governo pugliese, auspicando che tale intesa si possa al più presto ritrovare con la nuova dirigenza del Pd che verrà definita nel congresso in corso.

La difesa comune dei più deboli e quindi del Reddito di Cittadinanza, anche attraverso maggiore contaminazione col Reddito di Dignità pugliese che dia vita addirittura ad un progetto pilota nazionale, l’opposizione alla manovra economica del Governo Meloni che rischia di impoverire i più fragili e di favorire chi ha di più e chi dispone di capitali illeciti da evasione fiscale o da attività criminosa, il taglio del cuneo fiscale e rendere permanente la decontribuzione del costo del lavoro introdotto dal Governo Conte per le regioni del sud, la netta opposizione alla autonomia differenziata di Calderoli che pretende con un dpcm di definire i lep, la transizione energetica e ambientale e altri tempi attuali sono stati gli oggetto dell’incontro.