Come funziona la tassa di locazione agevolata per gli affitti?
mercoledì 23 novembre 2022

Parliamo di un regime fiscale alternativo che può essere utilizzato dal proprietario di un'abitazione o da chi ha diritto all'utilizzo di beni non destinati ad attività commerciale; quindi non a fini commerciali.

Pertanto i contratti devono essere indirizzati a persone fisiche e non ad aziende in quanto l'immobile deve essere adibito ad abitazione. Inoltre l'immobile deve rientrare nelle categorie da A/1 ad A/11 (fatta eccezione per A/10 che riguarda uffici e studi privati) e vale anche per le cosiddette pertinenze domestiche quali garage, cantina, parcheggio, solo se menzionate nel contratto.

 

L'unica eccezione è rappresentata dai contratti regolati nel 2019, dove la cedola secca è applicata anche ai beni strumentali, di categoria C/1 con superficie fino a 600 metri (nel caso di in questo caso l'aliquota è del 21% ).
Nel caso in cui tu voglia applicare la cedolare secca, dovrai notificare tale decisione all'Agenzia delle Entrate in sede di richiesta di appalto.
In caso contrario, non riceverai il rimborso dell'imposta pagata. Un'altra cosa è che la tassa non sarà modificabile.

 

Come calcolare la cedolare secca?

 

La cedolare secca grava sempre sul 100% del canone annuale, ma in ogni caso l'imposta è comunque inferiore all'aliquota abituale.

 

- L'aliquota è del 10% per contratto di locazione con canone pattuito indicato nella provincia

 

- L'aliquota rimane al 10% per i contratti conclusi in città dichiarate in stato di emergenza per calamità naturali

 

- È equivalente al 10% per l’affitto gli studenti universitari

 

- Il 10% si applica anche al noleggio temporaneo

 

- Tariffe fino al 21% quando le case vengono affittate sul mercato libero


 

Ci sono due modi per pagare le commissioni di cedolare secca:

 

- Importo del deposito:

 

per i primi 12 mesi, non pagare nulla in quanto non esiste un periodo precedente per richiedere l'imponibile. Successivamente, la cedolare secca corrisponde al 100% dell'imposta dovuta per l'anno precedente

 

- Eccedenza:

 

i pagamenti devono essere effettuati entro il 30 Giugno dell'anno successivo a quello di riferimento o entro il 31 luglio con scatti dello 0,40%.Il restante importo è pari al 21%, ma ridotto al 19% in caso di concordato compenso.

 

Per effettuare i pagamenti utilizza il modello F24 scegliendo due modalità:

 

- Unica soluzione:

 

entro il 30 novembre, se l'importo da versare è inferiore a € 257,20

 

- Depositi:

se l'importo supera i 257,20 euro, il pagamento può essere effettuato in due rate, dove la prima rata è pari al 40% dell'acconto dovuto (entro il 30 giugno) e il restante 60% entro il 30 giugno 11.

martedì 25 giugno 2024
Confesercenti della provincia di Brindisi, l’associazione “Fare verde” e Immagina Brindisi plaudono convintamente alla decisione del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica che con decreto direttoriale ...
martedì 25 giugno 2024
-immagine di repertorio-  BRINDISI - PISTA CICLABILE VIALE ALDO MORO -  Ancora una volta la pista ciclabile di viale Aldo Moro è diventata il rifugio demagogico dell’assessore Gianluca Quarta. L’aspetto ...
martedì 25 giugno 2024
La Capitaneria del Porto di Brindisi fa sapere che questa mattina, martedì 25 giugno, si è svolta nel porto di Brindisi una complessa esercitazione, parte delle esercitazioni semestrali previste dal “Piano di Emergenza ...
martedì 25 giugno 2024
SAN MICHELE SALENTINO - Inaugurato oggi a San Michele Salentino il Parco giochi inclusivo intergenerazionale della Zona 167 finanziato nell’ambito del Progetto OASI (Opportunità Accessibile di Spazi Inclusivi), finanziato dal ...
martedì 25 giugno 2024
ASL BRINDISI - Una giornata di sensibilizzazione alla donazione del sangue con due eventi promossi dal Centro Trasfusionale dell’ospedale Perrino di Brindisi, organizzati in collaborazione con l’Istituto Cappuccini di Brindisi ...