Fasano. Piano Coste, ieri l’adozione in giunta: ora al via a partecipazione rivolta a cittadini, associazioni e operatori economici
mercoledì 15 giugno 2022
La maggior parte della costa sarà lasciata alla libera fruizione. Le calette sabbiose continueranno ad essere libere, come già accaduto in questi anni. L’iniziativa privata si concentrerà nelle aree più impervie e la concertazione con il territorio sarà il faro che guiderà la programmazione. Perché la costa è patrimonio di tutti.

È stato adottato ieri in giunta il Piano comunale delle Coste del Comune di Fasano che si fonda su due principi: libera fruizione e progettazione condivisa con la comunità.

Il percorso che ha portato all’adozione del piano è stato articolato in più fasi e si è arricchito di una fase preventiva di partecipazione, aggiuntiva a quella stabilita per legge (che è prevista solo successivamente all’adozione in giunta). Come già accaduto fino ad oggi, cittadini, associazioni, operatori del settore, potranno inviare osservazioni, suggerimenti, proposte di modifiche che verranno valutate per costruire un piano che risponda alle esigenze di tutti.

Il principio guida del nuovo piano è quello di un rapporto «sbilanciato» a favore della libera fruizione (70%) rispetto all’iniziativa privata (30%). «La costa è patrimonio di tutti – dice il sindaco Francesco Zaccaria – lo abbiamo sempre sostenuto e ogni giorno ci battiamo per realizzare concretamente questa convinzione. Il nostro piano coste preserverà la bellezza del nostro mare, riservando le calette sabbiose e facilmente accessibili, alla libera fruizione di tutti. L’iniziativa imprenditoriale privata si concentrerà nelle aree più impervie dove è difficoltoso arrivare.

Continuiamo il percorso di partecipazione e chiediamo alla comunità di intervenire con consigli e suggerimenti affinché le esigenze di tutti possano essere valutate. Ringrazio l’attuale assessore a Demanio e Porti Luana Amati e l’ex assessore delegato Giuseppe Galeota che hanno seguito l’iter che ha portato all’adozione del piano insieme ai dirigenti del Comune Antonello Carrieri e Leonardo D’Adamo. Ora si apre la fase della partecipazione: cittadini, associazioni, operatori del settore potranno proporre modiche e suggerimenti che verranno valutati dalla struttura nell’ottica di quella che è la volontà di tutti: prendere a cuore il nostro territorio e lavorare, ciascuno nel proprio ruolo, per preservarne l’autenticità e la bellezza»”.