OPERE PUBBLICHE – CONTESSA (ANCE): STAZIONI APPALTANTI INCAPACI DI AFFRONTARE LA REALTÀ. SIANO LE IMPRESE A FERMARE IL PAESE!
mercoledì 25 maggio 2022
L’ANCE ha lanciato da lungo tempo l’allarme, ma è rimasta colpevolmente inascoltata da chi aveva il compito di trovare le soluzioni e di farle applicare ad ogni livello nella gestione degli appalti pubblici.

Il quadro normativo è stato modificato in maniera ipertrofica, ma soprattutto inefficace e le conseguenze sono ben evidenti in ogni angolo del paese. Molti cantieri in corso sono fermi e le gare bandite dalle stazioni appaltanti stanno andando deserte perché l’incertezza non mette in condizioni le imprese di poter sostenere i costi di gestione dei cantieri, a partire da quello delle materie prime che aumentano in maniera schizofrenica e quindi non prevedibile. In questo scenario è evidente che il malcostume o peggio ancora le infiltrazioni criminali trovano terreno fertile.

Comuni, Province ed altri enti pubblici sostengono di non avere strumenti per attuare soluzioni senza incorrere in possibili problemi giudiziari e quindi si preferisce scaricare la patata bollente sulle imprese aggiudicatarie degli appalti. La conseguenza è che il numero di contenziosi è schizzato e di opere pubbliche completate e consegnate non c’è neanche l’ombra.

L’ANCE anche in provincia di Brindisi ha tentato – dopo aver informato il Prefetto Bellantoni – di stabilire una linea di dialogo con le amministrazioni per evitare che le nuove gare d’appalto venissero bandite con vizi congeniti, ma le risposte ottenute sono state poche e per giunta stizzite. Come se i “navigatori” degli uffici tecnici avessero mal digerito una sorta di “intromissione” dei costruttori nella gestione di quanto ritenuto di loro esclusiva pertinenza.

La conseguenza è che anche qui da noi le gare cominceranno ad andare deserte e di questo passo il PNRR andrà a farsi benedire e con lui anche le speranze di ripresa del nostro territorio che già vive una situazione di forte crisi dovuta alla transizione ecologica ed alla atavica mancanza di “programmazione urbanistica”

Certo, abbiamo detto più volte che i costruttori sono il braccio operativo dello Stato. Ma nessuno pensi di trasformarci nell’agnello sacrificale di questo paese, su cui scaricare responsabilità e costi sociali, perché a questo punto saranno proprio le imprese ad accelerare il blocco totale dei cantieri, con il solo intento di svegliare chi ha poteri decisionali affinché li eserciti, magari con urgenza, prima che sia troppo tardi.

Angelo Contessa – Presidente ANCE Brindisi