MESAGNE2024, L'AUDIZIONE COL MINISTERO DELLA CULTURA
giovedì 3 marzo 2022
Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo oggi a Mesagne durante la presentazione della candidatura della città brindisina, a Capitale Italiana della Cultura per il 2024. Mesagne è tra le dieci finaliste per l’edizione 2024 ed è l’unica città pugliese giunta a questa fase di selezione tra le 24 inizialmente candidate. 

Il progetto “Mesagne2024 Umana Meraviglia” è stato presentato nel castello normanno-svevo, in audizione da remoto, con la Giuria presieduta da Silvia Calandrelli che dovrà poi indicare al ministro della Cultura Dario Franceschini la candidatura ritenuta più idonea. Nell’ambito del progetto anche il corto del regista canadese premio Oscar Paul Haggis, con musiche del maestro Beppe Vessicchio e con la partecipazione di Sergio Rubini, attore, autore e regista pugliese, cittadino onorario di Mesagne. 

Dopo l’introduzione del sindaco di Mesagne, on. Antonio Matarrelli, è stata l’architetto Simonetta Dellomonaco, coordinatrice del progetto, a spiegare il progetto alla commissione ministeriale.

Il primo cittadino della città messapica, il presidente Emiliano e l’architetto Dellomonaco erano presenti all’audizione col MiC insieme a Gianna Elisa Berlingerio, Direttore Dipartimento Sviluppo Economico della Regione Puglia; Elio Borgonovi, Direttore Istituto di Pubblica Amministrazione e Sanità IPAS presso l’Università Bocconi, componente del Comitato scientifico "Mesagne2024"; Aldo Patruno, Direttore Dipartimento Turismo, Economia della cultura e valorizzazione del Territorio della Regione Puglia; Fabio Pollice, Rettore dell'Università del Salento e componente del Comitato scientifico "Mesagne2024".

“Nella seconda metà degli anni Ottanta, Mesagne era considerata la capitale della Scu, la cosiddetta quarta mafia. Ora concorriamo per il titolo di Capitale della Cultura Italiana dopo aver vinto una battaglia che appariva impossibile. Oggi Mesagne è una città viva e attrattiva, una città che attraverso una straordinaria partecipazione di popolo ha dato vita ad un tessuto sociale in cui operano 115 associazioni che contribuiscono alla gestione dei nostri beni monumentali, degli spazi sociali e di 7 beni confiscati alla mafia. Mesagne ha coltivato il tema della cultura in tutte le sue forme”, ha dichiarato il sindaco Matarrelli.

“La storia della Puglia, quella di Mesagne, sono storie di grande riscatto. - ha proseguito Emiliano - Si parte dai punti di debolezza, dalle nostre più gravi minacce, per arrivare ad una città che oggi è turistica, culturale, imprenditoriale, legata all’agricoltura ma anche all’innovazione tecnologica, con centri di ricerca e luoghi che possono consentire di cambiare il destino dei nostri giovani”. “Questa non è la sfida di Mesagne, è la sfida della Puglia e dell’Italia. - ha concluso Emiliano - Noi vorremmo spiegare all’Italia come abbiamo fatto a diventare così importanti in così poco tempo, partendo da minacce pesanti, come l’idea che Mesagne fosse la capitale della Sacra Corona Unita”.