Consiglio Regionale condanna ferma e unanime per l'aggressione all'Ucraina. Gruppo CON: "Fermare la barbarie di questa assurda guerra"
martedì 1 marzo 2022
Una condanna ferma ed unanime quella espressa dall’intero Consiglio Regionale contro l’azione di guerra del presidente russo Vladimir Putin e di solidarietà al popolo ucraino.  

Anche il Gruppo ‘Con Emiliano’, votando favorevolmente le mozioni congiunte di maggioranza ed opposizione, impegna il presidente Emiliano e la Giunta a promuovere una serie di iniziative per sostenere - oltre che moralmente anche materialmente - la popolazione colpita dai bombardamenti.

Tra le azioni che si chiede di promuovere con massima urgenza;
-  creare ogni possibile mobilitazione contro l’aggressione russa, per la pace e la garanzia del diritto internazionale, in concorso con le altre istituzioni locali e con la società civile che si oppone al sopruso e alla sfida portata alla democrazia e alla convivenza dei popoli;

- richiedere al Governo italiano, agli Stati membri e alle istituzioni dell’Unione Europea di impegnarsi in un’iniziativa di contrasto dell’aggressione, assumendo le misure necessarie, entro la reazione della comunità internazionale che l’Onu deve garantire e con un ruolo attivo nelle alleanze difensive a partire dalla NATO, perché l’invasione sia fermata, l’Ucraina sia liberata e si possa tornare all’applicazione degli accordi di Minsk e al rispetto degli accordi di Helsinki, ribadendo il principio fondamentale dell’inviolabilità delle frontiere;

- richiedere al Governo Nazionale di attivarsi affinché l’Europa e gli Stati membri coordinino un intervento umanitario per l’accoglienza dei profughi ucraini a seguito della guerra che sta flagellando la popolazione;

- richiedere al Governo Nazionale di garantire tempestivamente lo stato di rifugiati ai cittadini ucraini che ne facciano richiesta;

- richiedere al Governo Nazionale di attivarsi per la messa in atto di un intervento europeo volto alla creazione di un fondo per introdurre meccanismi economici di compensazione, finalizzati a riequilibrare i danni che le singole nazioni europee subiranno per via delle sanzioni imposte alla Russia e delle conseguenti controsanzioni;

- richiedere al Governo Nazionale di creare una cabina di regia nella quale coinvolgere una rappresentanza delle aziende energivore e le governance dei colossi energetici (ENI - ENEL), per valutare soluzioni e proposte utili ad arginare i catastrofici effetti economici che si determineranno per via della crisi di approvvigionamento energetico da parte della Russia;

- richiedere al Governo Nazionale di intervenire prontamente incrementando la spesa attuale per il dispiegamento delle forze militari internazionali, garantendo il 2% delle manovre finanziarie per gli stanziamenti NATO-

"Insieme si può - ha affermato Giuseppe Tupputi, capogruppo 'CON Emiliano' - ma soprattutto si deve fermare la barbarie di questa assurda guerra".