Castello di Oria bene di interesse eccezionale, ok dal Consiglio Regionale
martedì 8 febbraio 2022
Castello di Oria, via libera dal Consiglio regionale alla mozione dei consiglieri Maurizio Bruno e Paolo Pagliaro alla richiesta di interesse eccezionale. Bruno: “Svolta storica. Permetterebbe la riapertura del maniero chiuso da ormai 15 anni”.

Con 29 voti favorevoli e solo 4 contrari il Consiglio regionale ha approvato la mozione presentata da me e dal collega Paolo Pagliaro, per richiedere al Ministero della Cultura di riconoscere il Castello di Oria e tutta la Cittadella “bene di interesse eccezionale”. 

E’ un passo davvero fondamentale per tutta la città di Oria ma non solo, perché un simile riconoscimento da parte dello Stato permettere la riapertura del Castello al pubblico, di fatto chiuso da ormai 15 anni. 

E per questo ringrazio davvero di cuore tutti i colleghi che hanno sostenuto la mia mozione, perché con il loro voto stanno permettendo una svolta storica attesa da tanto, troppo tempo.

Perché è davvero difficile, per chi non è nato e vissuto a Oria, capire cosa significhi per la comunità cittadina il Castello Normanno Svevo di Federico II. 

Una nave di pietra che galleggia nell’aria che è quasi un famigliare per ogni oritano, un nonno silenzioso, che ti osserva, che sembra quasi proteggerti, darti un punto di riferimento inamovibile e un senso di appartenenza a una comunità che altri non possono comprendere. E tutti potevano fargli visita.

Poi, con il passaggio alla nuova proprietà, tutto è cambiato. E da ormai 15 interminabili, insopportabili anni, il Castello è chiuso.
A intere generazioni di giovani oritani è stata strappata la possibilità di perdere la concezione del tempo nel cuore di quel pezzo di storia. 
E altre generazioni, i nostri anziani, se ne vanno senza aver più avuto la possibilità di fare altrettanto.

I lavori di restauro che furono apportati all’epoca lo hanno devastato in più punti, rubandogli in parte quel carattere di storia immortale che nessuno potrà più restituirgli. Le conseguenti vicende giudiziarie, con tanto di sequestro, hanno poi arrecato un danno se possibile ancora più grave.

Oggi, con il voto favorevole ottenuto in aula, possiamo iniziare a porre rimedio a tutto questo. Possiamo restituire agli oritani, ai pugliesi, all’Italia e non solo, la fruizione di quest’opera per troppo tempo negata. E allo stesso tempo risarcire la comunità locale, con qualcosa di più.

Ovvero con la dichiarazione di interesse eccezionale non solo del Castello, ma di tutta la Cittadella di Oria, comprende la cattedrale, il vescovado, il monastero e la chiesa di San Barbato e ovviamente il Castello Normanno Svevo. 

Sono certo che il Ministero farà tutto il necessario per riconoscere l’interesse eccezionale e dare a Oria e al suo Castello ciò che, in fondo, loro spetta.

Maurizio Bruno
Consigliere Regionale della Puglia
(gruppo consigliare PD)
 
giovedì 23 maggio 2024
MESAGNE. G7 - I’evento che, organizzato da Puglia Walking Art e dalla Rete di impresa Puglia Micexperience, vede il patrocinio di Regione Puglia e Comune di Mesagne, Camera di Commercio di Taranto-Brindisi e Aeroporti di Puglia e ...
giovedì 23 maggio 2024
  BRINDISI - In occasione dell'attesissimo evento "Bams", che si terrà venerdì presso il Parco del Cillarese, la Commissione comunale di vigilanza sui pubblici spettacoli ha stabilito una serie di rigide prescrizioni ...
giovedì 23 maggio 2024
OSTUNI - Si terrà venerdì 24 maggio prossimo dalle ore 17,30 a Ostuni presso la Sala Consiliare del Comune il Convegno su “Comunità Energetiche Rinnovabili: opportunità per cittadini e ...
giovedì 23 maggio 2024
BRINDISI - Il Presidente nazionale di Confcommercio Giovani Matteo Musacci domani, giovedì 23 maggio, sarà a Brindisi per partecipare ad una iniziativa organizzata dai giovani imprenditori di Confcommercio ...
giovedì 23 maggio 2024
Mesagne: la Polizia di Stato sequestra circa mezzo chilo di droga  MESAGNE - Ieri, nelle campagne di Mesagne, il personale della Polizia di Stato ha sequestrato quattro "panetti" di sostanza stupefacente del peso complessivo di circa ...