Sistema Industriale a Brindisi, pregiudizi ed opportunità
domenica 9 gennaio 2022
Due notizie di questi giorni confermano la visione sul Sistema Industriale del nostro territorio che da sempre caratterizza l’azione politica della UILTEC Brindisi. La prima notizia arriva dal Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) che ha dichiarato il ricorso del Comune di Brindisi contro l’Autorizzazione di Impatto Ambientale (AIA) concesso dal Ministero della Transizione Ecologica all’impianto Eni-Versalis come non ammissibile.

Questo significa, come in più occasioni dichiarato dalla UILTEC che la scelta del Comune di Brindisi di ricorrere contro una valutazione tecnico-ambientale ministeriale era meramente ideologica e non supportata da presupposti giuridici.

La seconda notizia riguarda l’Accordo raggiunto tra la stessa Eni-Versalis, l’ISPRA e l’ARPA sull’implementazione del Sistema di Monitoraggio Ambientale come da prescrizione del Ministero.

Queste due notizie ci convincono sempre più della bontà delle nostre rivendicazioni volte a tutelare l’intesse di chi opera all’interno del Petrolchimico e dell’intera popolazione e come attraverso il confronto costruttivo si possa giungere a risultati soddisfacenti.

Quando a più riprese, anche contro il sentire comune, abbiamo fatto osservare che aziende come Eni, cosi come molte altre del nostro tessuto industriale, devono essere considerate risorse fondamentali per lo sviluppo economico ed occupazionale della nostra città e provincialo abbiamo sempre fatto con cognizione di causa.

Abbiamo sempre combattuto e continueremo a farlo, gli attacchi ideologici al sistema industriale ed in particolare al Petrolchimico; così come non ci appartengono le difese per mero partito preso di quelle realtà aziendali - presenti anche a Brindisi- che non rispettano il territorio, i lavoratori o che non hanno come “mission” gli aspetti legati alla Sicurezza, alla Salute e all’Ambiente.

Ecco perché come Uiltec confidiamo in queste Aziende multinazionali che certamente ricercano produttività e profitto ma allo stesso tempo mostrano grande attenzione alle esigenze del territorio.

Con questa logica, vorremmo evidenziare come sia possibile, a nostro avviso, una importante e stretta sinergia tra le diverse realtà produttive della nostra zona industriale ed il Consorzio Brindisi Servizi Generali operativo da anni all’interno del Petrolchimico e costituito dalle aziende co-insediate a maggioranza Eni.

Il Consorzio BSG, in particolare, è una realtà attrezzata per fornire diversi servizi anche ad Aziende esterne e negli ultimi anni ha fatto notevoli investimenti economici e di risorse umane.

Dispone di una Caserma dei Vigili del Fuoco con attrezzatura adeguata e moderna, di un Centro di Formazione convenzionato con la Regione Puglia e soprattutto di un eccellente Servizio Sanitario.

Esso è dotato di sala degenza, di apparecchiature all’avanguardia per Eco Addome, Visite Oculistiche, Audiometria, Spirometria, Visita Otorino, di un Servizio di Pronto Intervento e di Pronto Soccorso Medico H24, di un Laboratorio per Analisi Cliniche e di un Poliambulatorio con servizio multi specialistico in fase di avviamento. Il tutto supportato da personale medico, infermieristico e da un biologo.

Come Uiltec, intendiamo richiamare l’attenzione delle Autorità Sanitarie competenti - del nuovo Direttore Generale della ASL Brindisi Roseto e del Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia Vizzino - soprattutto in questa difficile fase di nuova recrudescenza della pandemia e di oggettive difficoltà ad effettuare tamponi e vaccini -affinché venga utilizzata attraverso una Convenzione anche questa Struttura Sanitaria con i relativi servizi, rivolta a tutto il personale dell’area industriale.  

Siamo convinti che la collaborazione fattiva tra il Consorzio BSG, le varie Aziende e gli Enti preposti possa diventare volano per la ricerca di quelle intese e di quei sostegni reciproci, utili a determinare risvolti certamente positivi per il bene comune. In questa direzione, come Uiltec, nei prossimi giorni ci attiveremo per perseguire questi obiettivi attraverso il coinvolgimento dei diversi attori.