LA CISL HA INCONTRATO L’ARCIVESCOVO MONS. CALIANDRO
giovedì 16 dicembre 2021
E’ stato un incontro svoltosi nel segno di una tradizione ormai consolidata e della comunione fraterna, quello avvenuto lunedì u.s. presso il Teatro dell’Istituto Don Bosco, a Brindisi, tra il Gruppo dirigente della CISL Taranto Brindisi e l’Arcivescovo di Brindisi-Ostuni S.E. Mons. Domenico Caliandro per il tradizionale scambio di auguri in occasione delle festività di fine anno.

“I profondi cambiamenti dovuti alla transizione digitale, energetica ed ecologica, trasformeranno settori produttivi interi oltre all’intero modello sociale del Paese; occorre scongiurare che a vecchie diseguaglianze se ne aggiungano di nuove – ha affermato, nell’indirizzo di saluto, il segretario generale Gianfranco Solazzo – e ciò pone la necessità, tra l’altro. di investire sul futuro generazionale del territorio, offrendo alle nuove generazioni una rete di servizi sociali che renda appetibile non fuggire dalle loro comunità e quindi poter contare su servizi sanitari efficienti, su asili nido, scuole a tempo pieno, un piano casa di edilizia popolare adeguato e prevedendo anche la possibilità di accesso a mutui o affitti in modalità agevolata”

Viviamo un periodo storico che auspichiamo si riveli periodo di grazia, ha aggiunto Solazzo “non solo perché tutte le occasioni di crisi possono determinare occasioni di resilienza per venirne fuori meglio di prima e la pandemia può determinare anche questo ma anche perché è entrato nel vivo il periodo 2021-2023  di una Chiesa sinodale nel segno della comunione, della partecipazione, della missione, avviato da Papa Francesco per tutta la Chiesa.”

Mons. Caliandro nel ringraziare il segretario Solazzo e con lui la Cisl Taranto Brindisi ha augurato a tutti grazia e serenità in attesa del “Dio che viene” ed ha annotato come “La persona è il cuore della Dottrina Sociale della Chiesa. Siamo tutti in relazione con gli altri perché ciascuno riproduce l'unità del Creatore e solo lo sguardo d'insieme fa crescere la coscienza della corresponsabilità e della gratuità.” 

L’Arcivescovo ha fatto anche riferimento alla “sinodalità che assume la fragilità ed evangelizza la paura” ed ha definito “la comunione una dimensione della Chiesa, che può essere vista nel dinamismo del camminare insieme, perché così non solo ci si accorda ma si pensa, si costruisce e si elabora nell’unità.”

S.E. Mons. Caliandro e il segretario Solazzo, hanno unanimemente ribadito la necessità che la comunità brindisina alimenti una sempre maggiore capacità di concordia, di fare rete e di puntare a traguardi di sviluppo, di occupazione aggiuntiva  e di coesione sociale.