IL DAJS (Distretto Agroalimentare Jonico Salentino) A BRINDISI PER INCONTRARE I SINDACI DELLA PROVINCIA
venerdì 19 novembre 2021
Dopo il ciclo di incontri con i sindaci dei Comuni del Leccese e del Tarantino, il Distretto Agroalimentare Jonico Salentino (DAJS) e pronto a sensibilizzare tutte le amministrazioni locali del Brindisino sul Piano di Rigenerazione sostenibile e sul progetto di riforestazione, per ridare verde e bellezza al Salento ferito da Xylella fastidiosa.

In tale percorso le amministrazioni comunali rivestono un ruolo centrale sia, direttamente, per la possibilita_ di valorizzare il patrimonio pubblico che intenderanno mettere a disposizione nel processo virtuoso di forestazione, sia perche riferimento fondamentale per la sensibilizzazione ed il coinvolgimento delle comunita_ del territorio provinciale.

A tal proposito i 20 sindaci dei Comuni brindisini sono stati invitati a partecipare all'incontro che si terra_ presso la Provincia di Brindisi, nel Salone di Rappresentanza (Via De Leo, 3), lunedi 22 novembre 2021, alle ore 16.00.

L'Assemblea sara coordinata dal presidente della Provincia e sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi. Ad illustrare l'articolato e ambizioso piano di Rigenerazione agricola sostenibile e di riforestazione saranno il presidente del DAJS, Pantaleo Piccinno, il direttore Maurizio Mazzeo, e i componenti del comitato tecnico scientifico: il rettore dell'Universita del Salento Fabio Pollice e il vice-presidente del CIHEAM Teodoro Miano.

Si parlera di Rigenerazione del Salento post Xylella, ma anche di riforestazione, nell'ottica di un grande progetto condiviso dalle comunita locali, dal mondo produttivo agricolo e dalla piu grande rete di conoscenze del Sud Italia. E a proposito di riforestazione, sara avviata anche in provincia di Brindisi un'attivita di censimento e identificazione di aree marginali abbandonate o semi abbandonate, vocate per interventi di forestazione, e di definizione dei confini geografici e amministrativi precisi (immagini satellitari, cartografiche, catastali) per programmare e pianificare gli interventi. Sara anche importante valutare le specie piu idonee per il territorio brindisino, anche nell'ottica della "produttivita" di quello che sara un vero e proprio "Bosco di Comunita".

Il DAJS coordina sei prestigiosi enti di ricerca: Universita del Salento (UNISALENTO), Istituto Agronomico Mediterraneo (CIHEAM), Centro euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), Centro Nazionale Ricerche (IPSP - CNR), Universita degli Studi di Bari (UNIBA), Politecnico di Bari (POLIBA). Un team di grande competenza che accompagnera nei prossimi anni circa 200 aziende delle province di Lecce, Brindisi e Taranto in un percorso virtuoso che restituira bellezza, aree verdi ed economia al territorio.

"Stiamo ascoltando tutte le comunita delle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto, colpite dalla peggiore fitopatia che si ricordi a memoria d'uomo, causata da Xylella fastidiosa - dice il presidente del DAJS, Pantaleo Piccinno - perche vogliamo insieme costruire un grande piano di rigenerazione, consapevoli di poter contare sulla grande forza e sulla resilienza dei salentini. Il bosco di comunita e il primo passo di un progetto globale alla cui costruzione siamo tutti chiamati a partecipare".

"Il tema dei cambiamenti climatici e dei danni prodotti dalla Xylella - osserva il Presidente della Provincia e Sindaco di Brindisi Riccardo Rossi - pongono un tema concreto della desertificazione del nostro territorio con gravissimi danni per l'economia agricola, il paesaggio e l'ambiente. Progetti meritori come quello del DAJS  sono di fondamentale importanza per contrastare questi effetti con processi di rinaturalizzazione e di riforestazione del nostro territorio. L'invito e a tutti i sindaci e i rappresentanti della nostra comunita ad essere attiva in questo progetto di rilevanza strategica".