Brindisi. La Uil Fpl dichiara lo stato di agitazione dei lavoratori degli asili nido comunali:
lunedì 15 novembre 2021
Dal Segretario Generale UIL FPL BRINDISI Gianluca FACECCHIA riceviamo e pubblichiamo quanto segue: 

Al Sig. Sindaco Comune di Brindisi, all’assessore Politiche Sociali,   al  Presidente della Cooperativa Gialla

Visti i gravi episodi che si sono generati nelle ultime ventiquattro ore all'interno del servizio Asili Nido del Comune di Brindisi, dato in convenzione alla Coop. Gialla, questa O.S. ha più volte richiesto degli incontri per definire punti contrattuali poco chiari. Ad oggi, inoltre, l'asilo - quello di S. Chiara - non è fruibile all'utenza perché non agibile.

Nella giornata di ieri, durante l’incontro convocato d’urgenza dalla stessa Coop. apprendiamo che è stato dichiarato un esubero di personale e che ci sia stato un incontro con l’Ente e i genitori dei piccoli, dove si è addivenuti ad una nuova organizzazione del lavoro. Tra la Scrivente e la Coop. Gialla era in atto una discussione per la definizione dei contratti di lavoro e non era stato ancora definito nessun accordo contrattuale. 

In più, i signori presenti al tavolo, in rappresentanza della Cooperativa, durante l’intervento del Segretario Generale pensavano a fare altro... Alla nostra richiesta di chiarimenti in merito alle problematiche attuali ed al perché ancora ad oggi, dopo due mesi, non eravamo stati convocati per chiarire alcuni punti del contratto di lavoro, con aria di arroganza, ci viene risposto di non saperne nulla. A seguito di ciò la UIL FPL  abbandona il tavolo di incontro dichiarando così lo stato di agitazione.

Si rammenta che la Coop Gialla ha partecipato ad un bando pubblico che va rispettato, ed ha sottoscritto un accordo per il passaggio di cantiere. Si fa presente che tutto il personale fa parte del servizio storico Asili Nido del Comune di Brindisi e che la dichiarata inagibilità del Nido Santa Chiara non può costituire un ostacolo per il lavoro degli operatori.

Il rapporto bambini/operatori non è legato alla presenza reale giornaliera o alla presenza reale nelle fasce orarie del giorno (7:30 - 14:30), ma fa fede unicamente il numero delle iscrizioni e le retribuzioni delle rette. Se questa dimensione viene stravolta, quello che si potrebbe verificare è un illecito arricchimento da parte della Coop. Gialla.

Infatti, vogliamo evidenziare che la chiusura dell’asilo nido Santa Chiara ha creato solo un danno alle famiglie degli utenti ed agli stessi lavoratori, mentre per il Comune e per la Cooperativa stessa, pare un risparmio economico gestionale (vedi utenze enel, gas, ecc.). 

Alla luce di ciò, visto che il personale è stato assunto per rispettare il rapporto bambino/educatore che, secondo il regolamento attuale della Regione Puglia è di: 1 educatore ogni 5 bambini lattanti, 1 educatore ogni 8 bambini semi divezzi, 1 educatore ogni 10 bambini divezzi e 1 ausiliario ogni 20 bambini in generale; ci si chiede legittimamente l’asilo Santa Chiara sia stato chiuso per disdette da parte dell’utenza. E il motivo per cui nel conteggio dei bambini fatto dalla Coop. Gialla non vengano indicate le fasce di età dei bambini in carico.

Tale situazione sta portando gli operatori ad essere sottoposti a continuo stress per aumentati carichi di lavoro. Tanto che nella giornata del 13/11/2021 per una operatrice si è reso necessario l’interventi dei sanitari del P.O. A: Perrino, altresì la Cooperativa e la stessa Amministrazione comunale dovrebbero porre attenzione nell'evitare il più possibile che si verifichino contatti tra i diversi gruppi stabili dei bambini, così come gli operatori dovrebbero transitare il meno possibile da un asilo ad un altro o da un gruppo ad un altro, sempre in via precauzionale, data anche l’incidenza di contagio da SARS – COVID 2 che si sta verificando in particolare proprio nelle fasce dei bambini più piccoli.

Allo stato attuale notiamo riluttanza ad avere un confronto con questa O.S.  per definire gli aspetti contrattuali dei lavoratori, che devono essere legati agli accordi presi nel verbale di passaggio di gestione. Così come non sono chiare le ragioni reali della Cooperativa di voler ridurre il personale, con ordini di servizio già inviati agli operatori con sospensione temporanea dal servizio

Si invitano le Istituzioni in indirizzo ad indire un incontro urgente con le OO.SS. firmatarie del CCNL per cercare di far comprendere anche alle organizzazioni sindacali - come previsto da Ccnl - quali sono le indicazioni impartite dall’Amministrazione pubblica alla società appaltatrice, visto che pare poco trasparente la gestione dei soldi pubblici.


Il Segretario Generale 
UIL FPL BRINDISI 
Gianluca FACECCHIA