Continua la grande sinergia e simbiosi tra AIPD Brindisi e l’ Azienda agricola Pugliese, con la raccolta della frutta che ha coinvolto i ragazzi.
giovedì 7 ottobre 2021
Una sinergia, una simbiosi  e collaborazione  “spontanea”, che continua ormai da diversi anni, tra due belle realtà della città e del territorio, che fanno  del  “patrimonio umano” un’elemento irrinunciabile, virtuoso, soprattutto quando si tratta  di consolidare, portare avanti  iniziative, progettualità basate  sulla socializzazione  e solidarietà.

Quella tra AIPD Brindisi (Associazione Persone Down) e l’ Azienda  Agricola  Pugliese,  un’ azienda  che, da sempre,  è ben radicata  sul territorio,  promotrice  di iniziative  e progetti con il mondo della scuola, le istituzioni, per far conoscere ulteriormente l’ importanza della terra e l’agricoltura, quale risorsa  sociale, economica, occupazionale, produttiva .

E  martedì  scorso, presso  Tenuta  Gabelloto, i ragazzi  e le responsabili di AIPD  si sono nuovamente incontrati con la famiglia Pugliese (nell’ attività praticamente impegnate diverse generazioni), nella raccolta della frutta contestualizzata in una giornata che ha coinvolto ed emozionato  i ragazzi. Già, I ragazzi  AIPD, trattati  come figli da una realtà- struttura caratterizzata da sempre dall’ impegno di belle professionalità  e risorse  umane, e il   “principio portante e conduttore” è sempre    quello della solidarietà, del coinvolgimento emotivo di ragazzi, persone che hanno tanto da darci  e insegnare. Elementi, appunto condivisi, anche in questa iniziativa, con la famiglia Pugliese, Vincenzo, la  figlia  Velia, Giusy  Cuppone, il sempre presente nonno  Antonio.

I  ragazzi, entusiasti, hanno raccolto  di tutto, uva,  la frutta dell’ azienda, mele cotogne, cachi, fichi  d’ india, insomma  la migliore produzione, di qualità, di una realtà agricola e produttiva che proprio “non si fa mancare nulla“. E, immancabilmente, come sempre, la grande “carica emotiva, di simpatia e insegnamenti”, trasmessa da  Vincenzo  Pugliese,  beh… anche  un “ grande comunicatore”.

“Siamo orgogliosi e contenti di questa  nuova iniziativa  organizzata con  l’AIPD Brindisi  - afferma Vincenzo – emblematica di una sinergia e rapporto di collaborazione che continua, e di un entusiasmo, voglia di fare e progettare ritrovata, dopo la grave emergenza pandemica  e  le restrizioni. 

Contenti, soprattutto, di vedere impegnati ed entusiasti i ragazzi, hanno poi  praticamente portato quanto raccolto nel loro  orto, simbolo   di quell’amore, condiviso, per la terra l’agricoltura, che dunque  avrà un seguito, con gli altri progetti che abbiamo in mente di fare con  AIPD  e altre realtà.

La nostra azienda ha sempre considerato la sinergia e la solidarietà due “pilastri”  della  nostra attività e modo di intendere la vita, e, sarebbe inutile anche ribadirlo,  attraverso  la nostra disponibilità, amore  per la città e  il territorio“.

Una giornata significativa, indimenticabile, che, se posso permettermi, dovrebbe anche far riflettere chi, per quanto riguarda elementi irrinunciabili della nostra vita quali sinergia  e solidarietà, ha  ancora  davanti  a  sé  “ muri  e paletti” che devono essere estirpati.

Articolo   di  Ferdinando   Cocciolo .