Adoc su presentazione progetto A2A
sabato 15 maggio 2021
C’è “Metodo” e “Metodo”! Quello denominato “Metodo Brindisi” che da giorni tiene banco sui media per il confronto , la sinergia e le progettualità messe in campo al fine di dare una svolta al territorio sotto l’aspetto ambientale, economico, occupazionale e sociale. 

C’è poi il “metodo alla brindisina” più volte sperimentato e che in queste ore è andato in scena con la presentazione alla politica da,  parte di A2A, del progetto di “recupero materiali” nell’area dell’ex centrale “Brindisi Nord”. 

Un metodo che non convince sia nella forma che nei contenuti considerato che al netto delle notizie sommarie sull’investimento molte sono le perplessità circa l’esclusione dei cittadini e le loro rappresentanze dal processo di informazione e sulla tipologia di attività da avviare. 

Sul confronto riteniamo che A2A debba tenere una linea unica su tutto il territorio nazionale riteniamo quindi inaccettabile l’attegiamento criptico assunto mentre in altre realtà si procede con la massima informazione, condivisione e coinvolgimento delle comunità locali. 

Sui due assi di intervento previsti dal progetto quello del recupero materiali riveniente dallo spazzamento della rete viaria cittadina e dalla separazione della posidonia dalla sabbia nutriamo alcune perplessità. 

Nello specifico secondo i dati storici in nostro possesso la raccolta media mensile riconducibile alle attività di spazzamento non giustificano un impianto da 11 tons/h. Quale sarà il bacino di approvvigionamento dell’impianto ? Stanno cambiando le politiche di gestione dei rifiuti ? Ci dobbiamo aspettare per il futuro un’indifferenziato spinto abbandonando gradualmente la raccolta differenziata che tanto faticosamente i cittadini hanno attuato con sacrifici economici e gestionali? 

Un’interrogativo d’obbligo se consideriamo che il materiale raccolto per strada (plastica, carta, inerti, metalli, ecc.) non si discosta molto se non per l’umido dall’indifferenziato prodotto nelle abitazioni. 

Sulle operazioni di separazione della poisidonia dalla sabbia ci chiediamo come avverranno le operazioni di prelievo sugli arenili, con quali mezzi, con quanti mezzi verrà trasportato il materiale con quale impatto sull’ambiente e che fine farà la posidonia sinora ritenuta a ragione un’indispensabile rimedio naturale per il ripascimento degli arenili? 

Tutti interrogativi a cui auspichiamo giungano risposte sia da parte societaria che da parte istituzionale considerato la piena convinzione espressa dal Primo cittadino.
 
 
 
 
TAG: ADOC, UIL, Brindisi,
sabato 20 luglio 2024
Una bella iniziativa tra tanti sorrisi e gioia di partecipare in nome della salvaguardia dell'ambiente e dell'inclusione di persone diversamente abili. Un ottimo risultato per il service “Ripuliamo il mare dalla plastica, nessuno ...
sabato 20 luglio 2024
Riceviamo e pubblichiamo nota del "Comitato liberi cittadini"    Centinaia e centinaia di ulivi monumentali sono stati distrutti nel Parco degli Ulivi monumentali di Serranova, ma non da incendi o altri eventi naturali, ma ...
sabato 20 luglio 2024
Una donna di 33 anni è in condizioni critiche a seguito di un incidente avvenuto oggi intorno alle 12:40 a Jaddico. La conducente, che era al volante di una Peugeot 3008 diretta verso Bari, ha perso il controllo del veicolo mentre ...
sabato 20 luglio 2024
OSTUNI - Questa sera, sabato 20 luglio, nella suggestiva Villa comunale di Ostuni prenderà vita il tanto atteso concerto di Fernando Parisi. L'artista, si esibirà insieme alla sua band composta da musicisti di grande talento: ...
sabato 20 luglio 2024
UGL SALUTE DI BRINDISI - In un incontro cruciale tra la UGL Salute di Brindisi e l'Amministratore Unico di Sanitaservice, si sono discussi temi di grande importanza per i lavoratori del settore. Alessandro Galizia, Segretario Provinciale ...