Licchello: L’Europa chiama ma Brindisi non risponde.
martedì 26 gennaio 2021
Non si sentiva la necessità, ma succede ancora! Ogni giorno accade qualcosa, capita l’occasione per prendere politicamente posizione: un argomento vale l’altro per continuare a litigare. È vero è il sale della politica, ma almeno tra tante prese di posizione che hanno pure una qualche logica, si potesse fare in modo di fare sintesi, mettersi d’accordo ed iniziare, finalmente, un percorso d’insieme per costruire il futuro diverso, migliore e più attento ai bisogni della collettività brindisina e della provincia. Tuttavia prevale il collaudato metodo dell’IO contro tutti!

Continua, quindi, la fase negativa. Una tempesta perfetta! Gli ultimi episodi coinvolgono il consorzio ASI, l’investimento Edison, TAP e SNAM dove si sono concentrate le discussioni, quindi, le accuse. L’Europa chiama, ma Brindisi non risponde.

Le opportunità di intercettare risorse ed investimenti non è stata mai più favorevole come ora. Al contrario si preferisce litigare sul numero di panettoni consumati e non pensare sulle condizioni in cui si trova tutta l’area industriale, un tempo il cuore pulsante di molta parte dell’economia brindisina, ridotta in condizioni preoccupanti dal 
punto di vista logistico ed infrastrutturale: assenza di segnaletica  e manutenzione stradale, scarsa manutenzione della rete idrica, cura del verde, costi elevati dei servizi come acqua, gas rispetto alle altre ASI pugliesi e, soprattutto, scarsa appetibilità per aziende che vorrebbero investire nell’area di sua competenza. 

Stesso ragionamento per TAP e SNAM. Apprendiamo dalla stampa che non si accettano incontri con le società in questione e si preferisce demandare al governo centrale l’onere di decidere il da farsi. Ed intanto il tempo passa ed i cittadini delle zone interessate non hanno nessun riconoscimentodei danni ricevuti.

Ed ancora torniamo sul fondamentale progetto di decarbonizzazione della centrale Federico II che non è pensabile sia lasciata ad ENEL la decisione di gestire unilateralmente le fasi, già iniziate, del cambiamento e quella del dopo carbone. Sono coinvolti centinaia di lavoratori diretti e molti altri delle aziende dell’indotto in un sistema economico e produttivo che risulterà completamento sconvolto.

Sull’investimento Edisonla UIL di Brindisi ha avuto modo di dire la sua ma, come al solito, gli abituali professionisti della politica del NO! continuano ad impegnarsi sulla nota e sperimentata prassi del discredito di qualsiasi intenzione o proposta che riguarda insediamenti industriali. Sarebbe necessario approfondire il progetto e capire, tra l’altro, le ricadute occupazionali che non sono certamente l’ultima cosa da considerare. 

Sono solo alcuni esempi di quanto sarebbe necessario discutere di tanti altri argomenti per recuperare il tempo perduto. Dovremmo passare dall’IO contro tutti a UNO per TUTTI e TUTTI per UNO!

Antonio Licchello
sabato 15 giugno 2024
Recentemente, la Regione Puglia ha stanziato un contributo per la Provincia di Brindisi, mirato al recupero di alcune aree attualmente in disuso della Biblioteca Provinciale, attualmente conosciuta come Mediaporto  È ...
sabato 15 giugno 2024
BRINDISI - Oggi apre l’Arena Estiva della Multisala Andromeda con il film "C’è ancora domani" di Paola Cortellesi, in programmazione il 15 e il 16 giugno 2024, con un unico spettacolo alle ore 21:15. Il costo del ...
sabato 15 giugno 2024
BRINDISI- POLITICA -  La maggioranza di centrodestra al Comune di Brindisi si appresta ad aprire una crisi dai contorni poco chiari. Non essendoci comunicazioni ufficiali ma solo indiscrezioni e mezze conferme, ogni commento sulla ...
sabato 15 giugno 2024
 RICHIESTA URGENTE DEI CONSIGLIERI DEL GRUPPO 5 STELLE FUSCO E STRIPPOLI: SI APRA SUBITO IL CASTELLO SVEVO AI TURISTI CON UN PROTOCOLLO DI INTESA CON LA MARINA MILITARE CONVEZIONANDO IMMEDIATAMENTE LE VISITE I Consiglieri comunali di ...
sabato 15 giugno 2024
- Pubblichiamo lanota dell'ex sindaco Nicola Serinelli, attuale capo gruppo consiliare -  Con non poca sorpresa, ho appreso (ahimè, solo a mezzo stampa) la notizia che il Centro Santa Bernardette, presente proficuamente ...