Oria. Si era sottratto alla cattura dal mese di aprile scorso, deve espiare la pena di due anni e un mese di reclusione, arrestato.
mercoledì 25 novembre 2020
I Carabinieri della Compagni di Francavilla Fontana unitamente al personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia hanno eseguito un decreto di esecuzione del Magistrato di Sorveglianza con sospensione provvisoria dell’affidamento al servizio sociale con conseguente carcerazione ed  un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva emessi entrambi dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica del Tribunale di Brindisi, rispettivamente il 20 aprile e il 21 maggio uu.ss, nei confronti di Zanzarelli Angelo, 46enne di Oria, dovendo espiare la pena complessiva di anni 2, mesi 1 e giorni 10 di reclusone, per reati contro il patrimonio di cui si era reso responsabile in San Pancrazio Salentino (BR)  negli anni 2012-2013.

L’uomo, già affidato in prova ai Servizi Sociali per i suoi numerosi trascorsi giudiziari, il giorno di Pasqua del corrente anno, al fine di eludere un controllo dei Carabinieri oppose fattiva resistenza nei loro confronti facendo subìto perdere le proprie tracce. Le attività investigative, effettuate senza soluzione di continuità, finalizzate alla sua cattura attraverso l’esecuzione di numerose perquisizioni effettuate nei luoghi ove potesse aver trovato rifugio e nei confronti di soggetti rientranti nella sua sfera delle “vecchie conoscenze”, hanno portato all’individuazione del nascondiglio presso una villetta di Oria. Si è accertato, inoltre, che lo Zanzarelli nel corso dei 7 mesi di irreperibilità si è spostato in varie località delle province di Brindisi e Taranto e nel periodo estivo si era concesso delle giornate al mare con la propria compagna, immortalate con foto ricordo rinvenute sul suo smartphone.

Nel suo covo, l’uomo, aveva allestito una rete di telecamere per monitorare la presenza delle forze dell’ordine e nel corso della perquisizione è stato trovato in possesso di un disturbatore di frequenza radio, cosiddetto Jammer, utilizzato per neutralizzare l’uso di telefoni cellulari; il tutto finalizzato a sottrarsi alla cattura. Inoltre è stata rinvenuta un’ogiva di un proiettile ed una dose di sostanza stupefacente del tipo hashish. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

L’arrestato al termine delle formalità di rito è stato tradotto presso la casa Circondariale di Brindisi.
 
 
giovedì 20 giugno 2024
La magia della Festa Patronale di Fasano prosegue, regalando emozioni indimenticabili a cittadini e visitatori. Domani, venerdì 21 giugno, il programma della giornata sarà ricco di eventi che celebreranno la storia e le ...
giovedì 20 giugno 2024
Il DUC Città Bianca organizza “OSTUNI IN PASSERELLA” venerdì 21 giugno a partire dalle ore 20:00. L'evento si terrà sulla storica Viale Pola e ha l'obiettivo di mettere in risalto le attività ...
giovedì 20 giugno 2024
Il Duc Brundisium organizza per domenica 23 giugno, a partire dalle ore 20, sulla suggestiva Scalinata Virgilio del capoluogo brindisino, il Brindisi Fashion Award, un evento di altissimo livello pensato per far conoscere alla ...
giovedì 20 giugno 2024
Brindisi scommette sullo sviluppo delle attività legate al mare, considerato un motore fondamentale per la crescita del territorio. La città intende promuovere grandi eventi che valorizzino questa risorsa essenziale. Nasce ...
giovedì 20 giugno 2024
Firmato il protocollo d’intesa per lo sviluppo di applicazioni basate sull’Intelligenza Artificiale.  Fastweb e il Comune di Ostuni hanno sottoscritto un Protocollo di Intesa con l’obiettivo di trasformare la ...