Brunda, con Tregua ma senza pietà
Saturday, October 4, 2008

“In questa categoria siamo di passaggio”. Scarpa apostrofa così la partita esaltante della Brunda, al ritorno in C2 dopo la sfortunata parentesi nella categoria superiore dello scorso anno. E il ritorno è di quelli che fanno rumore, roboanti, di quelli che mettono in allerta le concorrenti più accreditate. 13-2 imperativo contro un dignitoso Soccer Putignano e prima di gala sotto gli auspici migliori.


E’ la Brunda che sa essere squadra ed esserlo in modo spietato, è la Brunda che stinge i ricordi più molesti e s’impone in cattedra per annichilire un avversario tutt’altro che sprovveduto. E già, perché il Soccer Putignano, come uno sparring partner consumato e reattivo, non ha mai tirato i remi in barca nonostante la deriva del tabellino.


”Fare




Il ritorno, dunque, lancia la Brunda verso consapevoli aspettative di primato, confermate da una prova che ieri ha messo in flashback il repertorio più ispirato e spettacolare. Gioco veloce, fraseggi stretti e insistiti, figure svolte come accordi di uno spartito, intese ripetute a memoria, tutto secondo una sceneggiatura scritta e studiata nei particolari. E’ una Brunda che gioca con scioltezza e convince, è una Brunda ritrovata che si gioca le sue carte con la voglia di riemergere e chiudere in soffitta gli spettri della passata stagione.


Ci vogliono 15 minuti per prendere le misure al Soccer Putignano, e poi giù la sarabanda di gol messi a score con la voracità di un famelico mostro mitologico. Un’autentica messe di gol che ha visto ancora lui, “Sergio Kun Aguero” Perseo svettare nel formidabile arsenale offensivo della squadra: in ogni azione c’è la sua imbastitura, in ogni gol c’è il suo tocco.


Un Perseo già a buon punto della condizione quello che ha trascinato il cinque biancazzurro portandolo ai ritmi travolgenti che frastornano e annientano chiunque. Il Soccer Putignano ha scucito le maglie lasciando quinte di gloria a una squadra ben dosata attorno al talento di Perseo, capace di dare brillantezza al gioco e permettere ai compagni di squadra di sfoggiare lo spolvero delle giornate migliori.


Il Re Mida biancazzurro bene si incrocia con Bellomusto, perfetto nel gioco d’anticipo, disinnesca le trame avversarie e capitalizza l’intesa con Zaccaria, tornato con gol capitano carismatico della squadra, invita a rete Discanno, fa l’acrobata sul lungo lancio dell’ottimo portiere Chiarella, gioca in punta di fioretto con “kiss kiss bang bang” Romano, giocatore quest’ultimo assai migliorato tatticamente, e apre varchi per le incursioni esterne e muscolari di Scarpa. Una Brunda all’insegna di Perseo, come nella migliore tradizione della squadra di Vallo, ma ben assortita ed equilibrata in tutte le fasi di gioco.


Non tragga in inganno la dimensione del risultato finale, giacché il Soccer Putignano non è per nulla squadra sbalestrata. I ragazzi oro di Vito Bianco si sono mossi con una discreta organizzazione di gioco e con marcature rigide ma sulla strada dell’esordio si sono imbattuti nella peggiore ventura. Quelli di Vallo possono compiacersi della buona partenza, senza tuttavia perdersi in leziosità al primo lancio di una strada che svolterà presto dai facili rettilinei. Secondo atto sabato prossimo in casa dell’Eden Manduria.


C5 Brunda: 1 Chiarella (p), 2 Scarpa, 3 Lacorte, 4 Leo, 5 Tregua, 6 Zaccaria (cap.), 7 Bellomusto, 8 Discanno, 9 Romano, 10 Perseo, 11 Noce, 12 Simone (p). All. Vallo. Dir. Paciullo.

Marcatori: Perseo (6), Romano (2), Scarpa (2), Bellomusto, Discanno e Zaccaria.


 ”Il”Fare”1