Brindisi. Via Bastioni San Giorgio arrestato cittadino Gambiano 20enne per violazione di domicilio.
mercoledì 10 luglio 2019
È di pochi giorni fa l’arresto nelle aiuole adiacenti alla stazione in Piazza Crispi di un altro cittadino 35enne originario del Gambia, trovato in possesso di 300 grammi di cocaina purissima. Questi luoghi costituiscono oggetto di continuo monitoraggio e di costante azione preventiva e di contrasto, con arresti e denunce per spaccio di droga e reati contro la persona.

I Carabinieri della Stazione di Brindisi Centro hanno tratto in arresto in flagranza di reato, un cittadino gambiano 20enne, senza fissa dimora. Nella prima mattinata, in via Bastioni San Giorgio, si è introdotto clandestinamente all’interno di un garage privato condominiale sotterraneo, seguendo il legittimo proprietario che era sceso dopo aver aperto il cancello d’ingresso, al fine di prelevare la sua autovettura per recarsi al lavoro.

Il fatto è avvenuto contro la volontà espressa del proprietario, che notata la presenza incalzante dell’intruso, gli ha chiesto cosa volesse, ma il giovane non si è allontanato, anzi ha incalzato sempre più con le mani in tasca tanto da far presumere che occultasse un qualche oggetto contundente.

Pertanto, la parte offesa che aveva tra le mani un trolley con tutti i gli strumenti di lavoro, terrorizzato per l’insolita presenza ha iniziato a scappare e ad urlare all’interno del garage inseguito dallo sconosciuto, le urla hanno attirato l’attenzione di alcuni Carabinieri della Stazione di Brindisi Centro che in quel momento stavano transitando sul marciapiede antistante, che sono prontamente intervenuti.

L’extracomunitario, alla vista dei Carabinieri, ha tentato la fuga venendo subito bloccato, condotto in caserma e tratto in arresto per il reato di violazione di domicilio. Nello stesso contesto, è stato deferito in stato di libertà in quanto, nel corso del controllo, alla richiesta degli operanti, non ha esibito il documento attestante la regolare presenza nel territorio dello Stato, di cui al momento era sprovvisto.

I successivi accertamenti hanno comprovato il possesso del permesso di soggiorno in corso di rinnovo. L’arrestato, che non ha inteso informare Autorità Consolari, al termine delle formalità di rito, è stato rimesso in libertà, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

È di qualche giorno addietro l’intervento sempre ad opera dei Carabinieri della Stazione di Brindisi Centro, che nel corso dei servizi perlustrativi giornalieri effettuati nelle adiacenze della Stazione Ferroviaria, attività finalizzata alla prevenzione e repressione dei reati predatori, nonché al controllo di persone che gravitano nella piazza e per infrenare lo spaccio di sostanze stupefacenti soprattutto tra i giovani, hanno tratto in arresto in flagranza un 35enne originario del Gambia.

L’uomo era stato notato dalla pattuglia dei militari aggirarsi a piedi con fare sospetto tra le aiuole in Piazza Crispi. Fermato e controllato, è risultato sprovvisto di regolare permesso di soggiorno, evidenziando da subito segni di nervosismo e insofferenza. Sulle spalle uno zainetto e tra le mani una busta di plastica di colore giallo con all’interno oltre a della frutta nello specifico due banane, una busta di carta di colore bianco con un involucro di carta stagnola contenente 300 grammi di stupefacente del tipo cocaina in pietra purissima, come risultato dall’esame del narcotest.

Altro arresto nella Piazza Crispi è stato effettuato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo, che hanno arrestato una donna del luogo colta in flagranza di reato di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish. L’arrestata 25enne, già nota per pregresse vicissitudini giudiziarie relative allo spaccio di stupefacente, è stata bloccata dopo aver ceduto lo stupefacente ad un pakistano che ha tentato di disfarsene, lanciandolo in un tombino.

Nel dicembre scorso, 4 cittadini del Bangladesh sono stati denunciati per rissa nelle adiacenze di un locale pubblico della piazza, rissa scoppiata per futili motivi. Oltre agli arresti, molte persone sono state controllate e segnalate quale assuntori di stupefacente.