Ostuni Villanova. Prossima la soluzione del problema Posidonia - Il Commissario straordinario ordina la rimozione
venerdì 22 marzo 2019
COME TRASFORMARE LA POSIDONIA DA RIFIUTO A RISORSA?

Nell’antico borgo di Marzamemi, in provincia di Siracusa, dieci aziende vitivinicole e ortofrutticole utilizzano la pianta acquatica come concime. 
La posidonia, infatti, se lasciata esposta alla pioggia che ne lava via la salinità, ha un altissimo potere concimante grazie alla sua fibrosità e alla naturale presenza di sali minerali. Non è il primo esperimento in Sicilia con questa pianta marina, c’è chi ci imbottisce i cuscini e chi inventa macchinari per la sua trasformazione. «Questo progetto consentirà di risolvere l’annoso problema dei cumuli lungo le nostre coste.  In Sardegna, invece, è stato pensato di recuperare la posidonia che si accumula sulle spiagge in inverno per realizzare stuoie ed elementi di arredo biodegradabili.

La Pro Loco Ostuni Marina, dopo le varie proteste degli abitanti e dei turisti, ha posto immediatamente il Problema al Commissario straordinario del Comune di Ostuni Dott.ssa Rosa  Maria Padovano, che immediatamente si è preoccupata concretamente di risolvere questo annoso problema facendo prontamente deliberare 100.000 mila euro.   Scarica qui la  delibera.


La Pro Loco Ostuni Marina da sempre impegnata nella valorizzazione turistica delle nostre splendide coste, ringrazia per la competente sensibilità la Dott.ssa Padovano che ha sposato prontamente l'idea di utilizzare quello che l'opinione pubblica ha sempre pensato fosse un danno o un fastidio, è che invece può diventare una reale ricchezza, perfettamente inserita in un circolo economico, virtuoso e realmente ecologico.