Sabato 2 Agosto, spettacolo ” Pinocchio a Sud”
giovedì 31 luglio 2008

Sabato 2 Agosto alle ore 21h  nell’ambito della rassegna ”Teatri di Terra 2008” La Luna nel Letto, Burambà e Casarmonica presentano lo spettacolo ” Pinocchio a Sud”
 
 
Il nuovo lavoro teatrale prodotto dall’Associazione Tra il dire e il fare, nasce dalla collaborazione tra la Compagnia di Ruvo ”La luna nel letto”  la Compagnia di Foggia ”Burambà” e la Compagnia di Ceglie Messapica ”Casarmonica” impegnate da anni  in un lavoro di ricerca sul territorio mosso dal bisogno di recuperare le proprie radici attraverso le arti sceniche.


In un enorme baracca, burattini ed attori in carne ed ossa raccontano l’avvincente storia di Pinocchio, colorandola con tinte e sfumature tipicamente mediterranee. Una riuscitissima mescolanza di generi teatrali, il teatro d’attore e quello di figura che viene completata da musiche originali eseguite dal vivo.



“PINOCCHIO A SUD”
Spettacolo teatrale per piazze e teatri
Compagnie “La luna nel letto” e “Burambò” in coproduzione con il Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria


Progetto e regia Michelangelo Campanale
con Filomena De Leo, Raffaella Giancipoli,
Daria Paoletta, Damiano Nirchio,
Raffaele Scarimboli, Katia Scarimbolo
Scene e luci Michelangelo Campanale
Costumi Cristina Bari
Musiche Mirko Lodedo
Realizzazione burattini e pupazzi: Raffaele Scarimboli
direzione tecnica Sebastiano Cascione
assistente alla regia Annabella Tedone
elementi scenici Angela Faniello
amministratrice Isa Pellegrini
responsabile organizzativo Anna Maria de Giorgio tel 3400701717 3292760458
età consigliata: da uno a cento anni


Il canto del disincanto si incantò e creò


…Pinocchio
Ricetta:
Andate nella terra dell’Alta Murgia e viveteci per almeno trentotto anni; poi sedetevi sulla collina più alta bruciata dal sole e mentre mangiate una buona focaccia di Altamura con mortadella e provolone provate a rispondere a questa domanda:
“Come fare a portare del Teatro (con scenografie, costumi, tanti attori, burattini e musicisti) in tutti i luoghi dove il teatro non esiste e non arriva mai, contro il parere e i pronostici di tutti?”


Adesso finite di mangiare la focaccia e senza deglutire immaginate una grande storia, un teatro dei burattini alto come un palazzo di due piani, sette attori,  con musica originale e musicisti dal vivo: fate mantecare il tutto nel ricordo di un sud fermo, bloccato dalla calura delle pietre bianche, dei suoni del mercato di paese, delle bande malinconiche, delle processioni immerse nelle luci delle luminarie. Ma non dimenticate una spolverata di lavoro duro e precario, di dignitosa povertà e aromatizzate con odore di basso unifamiliare sovraffollato, salsedine e timo appena calpestato. Poi andate  a Foggia, bussate alla porta degli abili mastri burattinai Burambò e chiedete loro un ciocco di legno e di seguirvi in questa agrodolce avventura; andate a Ceglie Messapica  e prendete un “grande” musicista compositore, chiamate un’estrosa costumista da Bari, circondatevi dei fedeli attori tecnici drammaturghi cuochi amministratori de La luna nel letto e mettete il tutto in una grande pignata vicino alla brace e lasciate cuocere con pazienza a fuoco lento.
A cottura ultimata,  ecco a voi…Pinocchio a Sud
Michelangelo Campanale


Il nuovo lavoro teatrale prodotto dall’Associazione Tra il dire e il fare, nasce dalla collaborazione tra la Compagnia “La luna nel letto” e la Compagnia “Burambò” entrambe impegnate in un lavoro di ricerca sul territorio mosso dal bisogno di recuperare le proprie radici attraverso le arti sceniche. La realtà contadina, la povertà e la voglia di sopravvivere appartengono al nostro immediato passato, non così lontano, tanto da condizionare anche il nostro presente. La storia di Pinocchio ne è l’emblema.


Dal punto di vista formale la ricerca si concentra sull’obiettivo di fondere e diffondere diversi linguaggi (musica, teatro di figura e teatro d’attore) facendo “dialogare” un burattino di legno con una fata in carne ed ossa, un pianoforte e un oboe con una balena in gommapiuma e tanto tanto altro, all’interno di un grande teatrino dei burattini.

 Racconteremo la storia di Pinocchio, partendo dai racconti degli anziani, attraversati dai nostri vissuti, con gli occhi della memoria, con gli occhi dei bambini che eravamo…così come ce la ricordiamo!