Donazione sangue. Inchiesta Altroconsumo: pregiudizi e poca informazione
mercoledì 23 luglio 2008

 Attorno al donare il sangue aleggiano falsi miti e scarsa volontà di informare con capillarità, a partire dal medico di base. Con il risultato che non tutte le regioni italiane dispongono di sangue rispetto alle reali esigenze sul territorio. E d’estate il fabbisogno di trasfusioni aumenta.


E’ il quadro che emerge dall’inchiesta che Altroconsumo, associazione indipendente di consumatori ha condotto su 2131 italiani, donatori e non.


Solo metà del campione ha sentito parlare nell’ultimo mese di donare il sangue. Metà dei non donatori intervistati dichiara che non si presterà mai a una trasfusione, il 30% afferma esplicitamente per pigrizia. Tra le altre ragioni indicate per non donare: paura delle siringhe, o di contrarre una malattia. Sorprese anche sul fronte delle motivazioni che hanno spinto a farlo: chi per migliorare la propria autostima (il 14% dei donatori), chi per curiosità (il 18%) ma anche come occasione per fare le analisi del sangue (il 24%).


Per il 74% dei donatori intervistati la carenza d’informazione è alla base della scarsa partecipazione di chi non ha mai donato. Poca informazione fotografata dall’inchiesta. Un dato per tutti: solo il 17% ne ha sentito parlare durante una visita medica.


Rimangono comunque sacche di non conoscenza: solo il 47% degli intervistati sa che si può donare anche solo una parte del sangue (plasma, piastrine). Uno su tre (il 30%) è a conoscenza del fatto che il gruppo 0 è il più diffuso in Italia, poco più di uno su cinque (il 22%)  sa che il gruppo sanguigno più raro è l’AB. Solo il 43% sa quanto sangue è prelevato ad ogni donazione (circa mezzo litro). Il 36% sa che una persona di sesso maschile può donare sangue intero non prima di aver fatto trascorrere tre mesi dall’ultima donazione.


Altroconsumo ricorda che la donazione del sangue è l’unica soluzione perché ci siano scorte sufficienti a coprire le esigenze dei malati e di chi ha bisogno. Un gesto di altruismo e di utilità sociale.


L’inchiesta è stata inviata al ministero della Salute e sarà pubblicata integralmente sulla rivista Test Salute di agosto, distribuita ai soci Altroconsumo.


””


””