Lettera aperta di alcuni lavoratori della Santa Teresa
martedì 20 giugno 2017
 Un gruppo di lavoratori della Santa Teresa spa, la società in house della Provincia di Brindisi, tutti laureati e diplomati, con professionalità accertate nell’ambito dell’ente Provincia nel corso dell’ultimo ventennio, identificati da qualche anno  con la già penalizzante qualifica di “Supporti tecnico-amministrativi”, sperano che con la nomina del nuovo Amministratore unico della società, Giuseppe Marchionna,  a cui rivolgono un sincero augurio di buon lavoro, sia dia un impulso ai programmi di integrazione occupazionale di tutta la forza lavoro dell’azienda e si dia termine alla forte e ingiustificata discriminazione perpetrata nei loro confronti in questi mesi, abbandonati al loro destino dai vari soggetti interessati, vedendo, tra l’altro, ripetutamente calpestati la loro dignità  e i loro diritti. 

Nel contempo si ringrazia chi nel passato si è adoperato, secondo le proprie possibilità, affinché questi dipendenti, in questo momento sempre più precari, non perdessero il proprio posto di lavoro.

Questi lavoratori, attualmente in cassa Integrazione a zero ore nonostante il protocollo d’intesa siglato da OO.SS. e Provincia - S.Teresa, alla presenza della Regione, quest’ultima garante ed erogatore di fatto delle risorse che alimentano la CIG, nonché prima regione in Italia ad aver contribuito a modificare le norme vigenti al fine di concedere la CIG anche alle società partecipate, chiedono di avere un trattamento pari agli altri dipendenti, che attualmente sono regolarmente sul proprio posto di lavoro, ognuno secondo le proprie e accertate competenze e professionalità. Né di più, né di meno che il rispetto delle norme e dell’accordo sottoscritto che richiama ad esse. Cioè, rotazione equa, corsi di formazione e piani di risanamento dell’azienda per il ricollocamento di tutto il personale.

Per quanto sopra, si invita chi non è effettivamente interessato a  tutelare i diritti del suddetto gruppo di impiegati ad astenersi dal rappresentare in qualsiasi sede, compresi gli organi di informazione, le aspettative e i reali bisogni di questi lavoratori. Si ringrazia dell’interessamento formale, fatto ovviamente per il bene di tutti, ma si precisa che le loro legittime istanze, che riferiscono al suddetto accordo regionale, sono state e saranno portate avanti dai propri legittimi rappresentanti sindacali  - oltre che da loro stessi -  e, ove fosse necessario, in altre sedi istituzionali preposte, ricordando che “l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro e che la sovranità spetta al popolo”.


Brindisi, 20 giugno 2017
 
giovedì 13 giugno 2024
Il Santo Padre Francesco parteciperà al vertice del G7, che si terrà a Borgo Egnazia, in provincia di Brindisi, venerdì 14 giugno 2024. Programma dettagliato della giornata: - Ore 11.00: Decollo dall’eliporto ...
giovedì 13 giugno 2024
Alfonso Belfiore, in qualità di Presidente del Lions Club Fasano, con una lettera recapitata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giorgia Meloni, ha trasmesso un messaggio ai Capi di Stato e di Governo che si riuniscono in ...
giovedì 13 giugno 2024
Il Presidente Emiliano alla celebrazione del trentennale della base ONU di Brindisi con il Segretario Generale ONU  Guterres e il Ministro Tajani, propone di istituire in Puglia un ufficio delle Nazioni Unite per la cura dei bambini ...
giovedì 13 giugno 2024
- Tra le peculiarità: info-point oncologico e contrasto alle discriminazioni per orientamento sessuale - Il Consorzio ATS BR4 ha approvato il nuovo Piano di Zona, ieri nell’aula consiliare del Comune di Mesagne la firma del ...
giovedì 13 giugno 2024
- Evento in programma martedì 18 giugno nell’ex convento delle Scuole Pie - BRINDISI - Galattica - Rete Giovani Puglia è la nuova iniziativa della Regione Puglia, a cura della Sezione Politiche Giovanili e di ARTI ...