SECONDA EDIZIONE DEL CORSO PER “CITTADINI ESPERTI”: CHIUSE LE ISCRIZIONI
giovedì 22 dicembre 2016
Sono 75 gli ammessi al corso per Cittadini Esperti sui temi della sanità e sicurezza delle cure che partirà a gennaio 2017 con una seconda edizione. Dopo la prima esperienza del corso, realizzato nel 2013, anche il Management che si è succeduto ha ritenuto utile la formazione di cittadini “sentinelle” in grado di valutare i percorsi assistenziali e contribuire al contempo, come interlocutori “privilegiati” dell’Azienda Sanitaria, alla qualità e alla sicurezza delle cure. 

Il progetto nasce in collaborazione con le Associazioni di volontariato accreditate presso il Comitato Consultivo Misto ASL BR, a cura di un gruppo di lavoro tecnico-scientifico che ha definito il nuovo programma. Diversi i temi trattati da professionisti dell’Azienda, dalla conoscenza dell’organizzazione aziendale, all’assistenza ospedaliera e territoriale, la prevenzione e l’educazione alla salute, il primo soccorso e l’errore in sanità. 

Il corso è rivolto a cittadini residenti nella provincia di Brindisi. Dodici giornate complessive di formazione con incontri della durata di 2 ore durante i quali si svolgeranno lezioni frontali, esercitazioni e dibattito.

La graduatoria di ammissione è stata formulata in base all’ordine di arrivo delle domande. Gli iscritti sono in maggioranza donne (68%), appartenenti alla fascia di età compresa tra i 30 e i 65 anni (64%), diplomati (54%), disoccupati (32%) e pensionati (28%). Il 73% dei partecipanti è iscritto ad associazioni di volontariato, mentre il 27% è costituito da singoli cittadini. Per quanto riguarda la provenienza, il 65% è residente a Brindisi, il 13% a Mesagne, a seguire Ceglie M.ca, Oria, Cellino San Marco, Erchie, Francavilla Fontana, Ostuni, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni, Torchiarolo e Torre S. Susanna.

Il numero degli iscritti - più del doppio rispetto alla prima edizione - ha superato ogni aspettativa, espressione di notevole interesse per i temi trattati e segno di crescita dello spirito di partecipazione dei cittadini nel settore della sanità pubblica.