Materiale ferroso sulla banchina di Costa Morena. Esposto dei Cinque Stelle
giovedì 22 settembre 2016
In mattinata i Consiglieri Comunali M5S, Stefano Alparone ed Elena Giglio, hanno depositato presso la Procura della Repubblica di Brindisi, un esposto inerente le operazioni di scarico, avvenute, in più occasioni, sulla banchina di Costa Morena nel porto di Brindisi, di un non meglio specificato materiale polverulento, presumibilmente polvere di ghisa e altro materiale ferroso, in spregio ai più elementari protocolli di tutela ambientale.

È un dato acquisito che tutti i materiali polverulenti – dichiarano i Consiglieri M5S – compresa la polvere di ghisa, devono essere trattati nel rispetto delle normative applicate alla movimentazione del carbone, che per la particolare consistenza dei materiali, non possono essere esposti ai venti, pena la dispersione nell'ambiente. Ci risulta che tutte le operazioni di scarico e movimentazione del materiale in questione sono
avvenute in violazione della normativa in materia ed in particolare dell'ordinanza n. 5/2005 dell'Autorità Portuale di Brindisi, che all'art. 2 lett. A) n. 15 vieta espressamente il deposito anche temporaneo in banchina di merce polverulenta o granulare, salva espressa autorizzazione dell'Autorità Portuale da rilasciarsi in casi di urgenti ed inderogabili necessità e "fermo restando la salvaguardia della solubrietà ambientale”.

Considerato che – proseguono i pentastellati – il reato ambientale si configura quando vi sia un concreto rischio di danno, derivato da qualsiasi attività volontaria o colposa, alla persona, agli animali, alle piante, alle risorse naturali che costituisca offesa che vanta ogni cittadino individualmente e collettivamente e vista la direttiva 2008/99/CE che stabilisce la perseguibilità penale delle condotte lesive che danneggiano l'ambiente, che provochino o possano provocare il decesso o lesioni gravi alle persone o danni rilevanti alla qualità dell'aria, alla qualità del suolo o alle qualità delle acque, ovvero alla fauna ed alla flora; abbiamo ritenuto opportuno – concludono i 5 Stelle – chiedere alla Procura della Repubblica di disporre le opportune indagini in ordine ai fatti esposti ed in particolare accertare se esiste ipotesi di reato, a tutela della giustizia e della salute dei cittadini.
 
Stefano Alparone ed Elena Giglio 
Consiglieri Comunali Brindisi Movimento Cinque Stelle