Emilano perde la pazienza, noi la salute.
martedì 20 settembre 2016
Dopo l'ennesima morte avvenuta all'ILVA, il Presidente Michele Emiliano ha annunciato che chiederà: "la revoca della facoltà assegnata ai commissari di far funzionare" l'Ilva di Taranto "a meno che non sia assicurato il termine del processo di ambientalizzazione e di messa in sicurezza. La pazienza della Regione Puglia è finita. Ho trasmesso al Governo il rapporto della Regione sui dati epidemiologici accertati. Lo trasmetteremo alla Procura di Taranto e alla Corte d'assise, in modo che i diritti dei cittadini siano rispettati".

Ci fa piacere che il Presidente annunci di aver perso la pazienza, probabilmente inizierà a comprendere i pugliesi che, la pazienza, è da un pezzo che l'hanno persa. Forse però sarebbe stato più credibile se avesse parlato di un blocco definitivo dell'impianto, la cui ambientalizzazione è di fatto impossibile. Ci fa piacere che abbia trasmesso i dati epidemiologici al Governo. Chiediamo che la stessa reazione avvenga anche per Brindisi - i cui dati epidemiologici, certificano l’assoluta criticità in cui versa il territorio - inviando i dati sia al Governo che alla Procura di Brindisi. 

Si faccia dunque portatore della richiesta del blocco degli impianti sia dell’Ilva che della Centrale a carbone Enel di Cerano e soprattutto, invece di chiedere un impossibile ambientalizzazione, chieda l’immediata istituzione di un tavolo tecnico, per pianificare seriamente un nuovo percorso per rilanciare le economie dei nostri territori, 

Allora se Emiliano vuole essere chiaro, scriva al Governo che i pugliesi sono stanchi di morire per i veleni di industrie strategiche solo per pochi, dica che l'Ilva e la Centrale Enel di Cerano vanno chiuse, dica che lo Stato è in debito con i nostri territori e la smetta di parlare di "decarbonizzazione" parlando di riconversione a gas, la smetta di parlare di TAP e inizi a prendere l'unica posizione possibile, quella in difesa dei pugliesi.

Stefano Alparone ed Elena Giglio
Consiglieri Comunali M5S Brindisi
 
 
 
 
TAG: M5S Brindisi,