I primi deludenti passi della Sindaca Carluccio
lunedì 11 luglio 2016
I primi passi della Sindaca Carluccio e della coalizione che ha sostenuto la sua candidatura, sono niente più che la riproposizione di qualsiasi partito o coalizione alle prese con il potere. Non siamo tra quelli che gridano allo scandalo, perché a sinistra come a destra abbiamo assistito a spettacoli altrettanti deprimenti per conquistare una poltrona, sistemare un fedelissimo, avere un occhio di riguardo per l'amico o cercare di eliminare nelle trattative notturne gli esponenti delle correnti avversarie. Ed è esattamente quanto sta accadendo ad Angela Carluccio, al famigerato presunto direttorio che a tutto sovraintende e a taluni leader (!!) locali di pezzi della coalizione che certo non gradiscono la presunta autonomia della neo "sindaca". Morale della favola - che favola a lieto fine non è e crediamo non sarà - come potranno adesso i sostenitori della Carluccio affermare di essere completamente diversi dagli altri partiti e di ragionare con la logica del “Brindisi prima di tutto “ ?? Se così fosse non staremmo assistendo da settimane a un balletto di presunti nominati e presunti esclusi che si scambiano la parte a seconda delle dichiarazioni più o meno estemporanee dei vari protagonisti di questa tragicommedia, il tutto nel mentre la città continua ad affondare tra le sue tante irrisolte emergenze. La Carluccio, con la sua presunta coalizione, dimostri di valere la fiducia dei tanti cittadini che l'hanno chiamata a guidare la nostra città, ma ci venga risparmiata la superiorità morale, e la trasparenza come modello del “nuovo che avanza” che ci pare piuttosto opaco, al momento.

Antonio Carito