Vicenda Pilone. Il Comitato di Salvaguardia ringrazia il Sindaco Coppola
giovedì 26 maggio 2016
Il “Comitato per la salvaguardia della spiaggia del Pilone” prende atto con soddisfazione del provvedimento dell’Amministrazione Comunale, con il quale è stata formalizzata la richiesta alla Regione Puglia di riconvocare la Conferenza dei Servizi, al fine di spostare dalla spiaggia del Pilone la vasca di raccolta e sollevamento dei liquami di fogna della costa. Il Comitato ringrazia l’Amministrazione guidata dal Sindaco dott. Gianfranco Coppola per aver mantenuto l’impegno di non permettere che una stravagante decisione dell’AQP, purtroppo avallata dall’Amministrazione Tanzarella, deturpi per sempre il litorale della città. Il Comitato infine rivolge un accorato appello al Presidente della Regione Emiliano, perché mantenga l’impegno assunto con il Comitato, ma indirettamente con tutti i cittadini di Ostuni, di riconvocare la Conferenza dei Servizi estendendo la partecipazione a tale conferenza anche a chi precedentemente era stato escluso (ASL, Consorzio Torre S.Leonardo e Comitato ) e deliberare il riposizionamento della vasca dei liquami fognari in un’area lontana dalla spiaggia libera più grande e più bella del litorale di Ostuni.
 

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 140 data 24/05/2016

LA GIUNTA COMUNALE
Premesso che la società Acquedotto Pugliese ha in corso la realizzazione un progetto di canalizzazione fognaria del litorale nord della fascia costiera di Ostuni, il quale prevede la ubicazione di un impianto di sollevamento, dotato di apposita vasca, nei pressi della spiaggia del Pilone - Torre S. Leonardo;
Considerato
• che questa Amministrazione Comunale ritiene estremamente dannosa per il pubblico interesse l’ubicazione dell’impianto di sollevamento sul margine di una spiaggia che, oltre ad essere la più grande e frequentata della costa ostunese, è una spiaggia - icona del litorale di Ostuni e della Puglia;

• che lo svolgimento della Conferenza e la conclusiva approvazione del progetto presenta alcune anomalie procedurali che potrebbero averne inficiato la legittimità;

• che in seguito alla sensibilizzazione delle istituzioni e della pubblica opinione ad opera del “Comitato per la salvaguardia della spiaggia del Pilone”, sono emersi nuovi elementi a sostegno dello spostamento dell’impianto di 
sollevamento, quali:

a) la presa d'atto dell'esistenza di un progetto del Comune di Ostuni dell’anno 2005 di canalizzazione fognaria della stessa costa Nord, nel quale l’impianto di sollevamento in località Pilone è ubicato a 300 metri dalla costa ed esattamente nello stesso sito alternativo individuato dal Comitato e dal Villaggio Turistico; ciò ad ulteriore e decisiva riprova che l’alternativa era non solo tecnicamente realistica ma anche di pubblico interesse;

b) la presa di posizione della nuova Presidenza del Parco delle Dune, sul cui confine dovrebbe sorgere l’impianto, favorevole allo spostamento;

c) l’intervento della Commissione Ambiente del Senato della Repubblica che ha stabilito di procedere alla comparazione del progetto AQP con quello alternativo, ottenendo, nelle more, il consenso dell’AQP a non iniziare le opere attinenti l’impianto di sollevamento dei liquami;

d) l’accoglimento del Presidente della Commissione Ambiente del Senato della richiesta di apertura di un Affare Assegnato;

Preso atto del pubblico impegno, assunto in data 19.04.20016 dal Presidente della Regione Puglia, di riconvocare la Conferenza di Servizi dell’opera di cui all’oggetto, al fine di riconsiderare l’ubicazione nei pressi della spiaggia del Pilone dell’impianto di raccolta e sollevamento dei liquami;
Visto il progetto esecutivo a firma della società Etacons s.r.l., relativo all’ intervento di “Rete di fognatura nera in Località Pilone” del Comune di Ostuni (Br)., attestante la fattibilità tecnica di una soluzione alternativa con diversa localizzazione dell'impianto di sollevamento dei reflui previsto in località Pilone e costituito dai seguenti elaborati:

A - Relazione generale
B - Relazione geologica e idrogeologica
C - Relazione idraulica
D.1 - Relazione dimensionamento impianti elettrici
D.2 - Relazione di prevenzione incendi
E - Relazione di calcolo strutturale
F - Relazione geotecnica
G - Elenco prezzi unitari
H - Computo metrico estimativo
I - Relazione paesaggistica
J - Piano particellare di esproprio
1 - Inquadramento territoriale e paesaggistico
2 - Inquadramento urbanistico dell’intervento
3 - Rilievo topografico e fotografico
4 - Planimetria dell’intervento su base aerofotogrammetrica
5 - Planimetria dell’intervento su ortofoto
6 - Inquadramento intervento su base catastale
7.1 - Tubazioni - Schemi di progetto
7.2 - Tubazioni - Profili longitudinali
7.3 - Tubazioni - Sezioni di scavo e particolari costruttivi
8.1 - Impianto di sollevamento – Architettonici
8.2 - Impianto di sollevamento – Esecutivi strutturali
8.3 - Impianto di sollevamento – Impianti elettrici
8.4 - Impianto di sollevamento – Schemi unifilari quadri elettrici
8.5 - Impianto di sollevamento – Sistemazione

Dato atto che il suddetto progetto, commissionato dal Consorzio Villaggio Torre S. Leonardo Pilone 2 - Ostuni, è stato ceduto a titolo gratuito a questa Amministrazione (nota a firma del Presidente del Consorzio Villaggio Torre San Leonardo Pilone 2 acquisita in atti al prot. n. 23784 il 5/5/2016), affinchè venga proposto come variante tecnica allocativa dell'impianto di sollevamento dei reflui;
Considerato che:

a) lo spostamento dell’impianto è perfettamente compatibile con tutte le restanti opere di canalizzazione fognaria;

b) il nuovo sito consente il collettamento di tutti i liquami della località Pilone;

c) lo spostamento dell’impianto impedirebbe, in caso di blocco dello stesso, che i liquami finiscano sulla spiaggia, come accaduto la scorsa estate con l’impianto gemello di Torre San Gennaro, con la conseguente devastazione della spiaggia;

Ritenuto pertanto di procedere alla presa d'atto del progetto a firma della società Etacons s.r.l. attestante la fattibilità tecnica di una soluzione alternativa con diversa localizzazione dell'impianto di sollevamento dei reflui previsto in località Pilone, ed il suo inoltro alla Regione Puglia ai fini della riconvocazione con urgenza della Conferenza di Servizi per lo spostamento dell’impianto;
 
Visti
- i pareri espressi sul frontespizio della presente deliberazione ai sensi dell’art.49
-comma 1 - del T.U.EE.LL. approvato con D.Lgs. n.267 del 18.8.2000;
- l’art. 48 - comma 1 e 134 comma 4 del T.U.EE.LL. approvato con D.Lgs.n.267 del
18.8.2000;
CON voti favorevoli, unanimi resi in forma palese;

D E L I B E R A
la premessa è parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

1) Di prendere atto e condividere il progetto esecutivo relativo all’impianto di sollevamento fognario redatto dalla società Etacons s.r.l. acquisito in atti il 20/5/2016 prot. n. 26085, attestante la fattibilità tecnica di una soluzione alternativa con diversa localizzazione dell'impianto di sollevamento dei reflui previsto in località Pilone;

2) Di trasmettere il suddetto Progetto alla Regione Puglia, affinchè proceda alla riconvocazione con urgenza della Conferenza di Servizi al fine di riconsiderare l’ubicazione nei pressi della spiaggia del Pilone dell’impianto di raccolta e sollevamento dei liquami;

LA GIUNTA COMUNALE
Attesa la particolare urgenza dell’atto;
VISTO l'art.134 comma 4° del Decreto legislativo n°267 del 18.08.2000;
CON voti unanimi e palesi,
D E L I B E R A
Di rendere il presente atto immediatamente eseguibile.
/dm