Vicenda Partecipate. I lavoratori dell’Isola Verde di Taranto ufficialmente licenziati, quelli della Santa Teresa in ansia per il futuro
giovedì 21 aprile 2016
Vicenda  Società Partecipate. I  lavoratori dell’Isola Verde di Taranto sono ufficialmente licenziati e quelli della Santa  Teresa in ansia per il loro futuro.

Dramma Società  Partecipate, sull’asse Brindisi -Taranto.  A parte  i lavoratori della  Società Santa  Teresa a Brindisi (che “resistono”, con i contratti di solidarietà, ma situazione sempre in bilico), è già vero e proprio dramma per i lavoratori dell’Isola Verde, ufficialmente licenziati.

Un appello praticamente caduto nel vuoto, tra proteste, incontri con la Provincia di Taranto e la Regione Puglia. Due giorni fa altra protesta sul Palazzo della Provincia dei lavoratori, esausti, arrabbiati, angosciati. E nelle scorse ore, la società ha dichiarato l’ impossibilità  di accogliere le richieste  di parte sindacale, confermando di procedere al  licenziamento di tutte le maestranze.

Licenziamento, “l’incubo” dei lavoratori di tutte le Partecipate in questi anni, e non solo.     Evitato, per il momento, dai lavoratori della Santa Teresa che, in questi ultimi mesi, ad esempio, si sono più volte recati a Bari, con le organizzazioni sindacali, a chiedere aiuto alla Regione Puglia e alla Task Force.  Parola purtroppo conosciuta dall’ultimo dipendente rimasto della Brindisi Pubblici Servizi Provinciali, Società  Partecipata della Provincia messa in liquidazione da Massimo Ferrarese.  Quel dipendente che, tuttavia,  non si è mai arreso, la cui vita è stata praticamente distrutta. Con  una vertenza in atto, non ancora conclusa, presso il Tribunale di  Brindisi nei riguardi della Partecipata, in una brutta vicenda che chiama in causa precise responsabilità.  Un padre di famiglia che chiede disperatamente aiuto, che continua a lottare, anche con i lavoratori della Santa Teresa.

Il dramma dei lavoratori dell’Isola Verde, con un  licenziamento annunciato, scritto in calce ad un documento, conclusivo della riunione tra le parti, ovvero  Provincia, dirigenti della  Società, rappresentanti sindacali. Le organizzazioni sindacali dichiarano di non sottoscrivere il verbale, contestando apertamente i licenziamenti. Quei sindacati che si sono anche appellati alla Provincia di Taranto, per avere la  disponibilità di fondi per la prosecuzione del rapporto di lavoro.

Il mese scorso, a proposito delle Partecipate  pugliesi, le  varie organizzazioni sindacali avevano proposto a  Michele Emiliano la costituzione di una Società appositamente  creata dalla Regione Puglia, che quindi comprendesse i lavoratori  della Santa Teresa, Isola Verde, Alba Service di Lecce  e, perché no, quello della Brindisi  Pubblici Servizi Provinciali. Che fine ha fatto quella proposta? E meno male che i lavoratori della Santa Teresa mantengono ancora il posto di lavoro.

Ma ora, nell’ immediato, bisogna trovare il “miracolo” per Isola Verde e Alba Service. C’è  una prospettiva di tentativo da parte del Sottosegretario allo Sviluppo  Economico, la pugliese Teresa  Bellanova. Ma già nella testa dei lavoratori c’è quella  parola, LICENZIAMENTO, che mai nessuno  vorrebbe sentire.

Togliere il lavoro ad  un cinquantenne, vuol dire “ucciderlo”, espellerlo da un mercato del lavoro che non ha pietà. E la situazione a Brindisi, per i lavoratori della Santa Teresa, rimane difficile. Nei giorni corsi, si è svolto un incontro presso la Prefettura di Brindisi, a cui hanno partecipato il  Prefetto Annunziato  Vardè, il Presidente della Provincia Maurizio Bruno, l’Amministratore unico della  Società Montingelli, dirigenti e tecnici provinciali, una delegazione dei lavoratori, le organizzazioni sindacali.

Tra  qualche mese finiranno i  “contratti di solidarietà” e i lavoratori sono in ansia e si aspettano risposte concrete sul loro futuro. Si aspettano  progetti, fondi, dalla Regione Puglia, come del resto previsto e auspicato, tra l’ altro, in un protocollo  di intesa firmato  presso la Task Force Regionale  quasi  cinque mesi fa. Una richiesta di  aiuto inviata  formalmente, attraverso una lettera, anche dal Prefetto di  Brindisi.

Per evitare altri licenziamenti, altri drammi.  Intanto, diciamo ai lavoratori  dell’ Isola   Verde e  di Alba  Service di non mollare. E alle istituzioni  di non dimenticarsi di quel lavoratore della  Brindisi  Pubblici Servizi  Provinciali, vittima di una grande ingiustizia a cui si può ancora porre rimedio.

Articolo di  Ferdinando  Cocciolo. 
sabato 15 giugno 2024
Recentemente, la Regione Puglia ha stanziato un contributo per la Provincia di Brindisi, mirato al recupero di alcune aree attualmente in disuso della Biblioteca Provinciale, attualmente conosciuta come Mediaporto  È ...
sabato 15 giugno 2024
BRINDISI - Oggi apre l’Arena Estiva della Multisala Andromeda con il film "C’è ancora domani" di Paola Cortellesi, in programmazione il 15 e il 16 giugno 2024, con un unico spettacolo alle ore 21:15. Il costo del ...
sabato 15 giugno 2024
BRINDISI- POLITICA -  La maggioranza di centrodestra al Comune di Brindisi si appresta ad aprire una crisi dai contorni poco chiari. Non essendoci comunicazioni ufficiali ma solo indiscrezioni e mezze conferme, ogni commento sulla ...
sabato 15 giugno 2024
 RICHIESTA URGENTE DEI CONSIGLIERI DEL GRUPPO 5 STELLE FUSCO E STRIPPOLI: SI APRA SUBITO IL CASTELLO SVEVO AI TURISTI CON UN PROTOCOLLO DI INTESA CON LA MARINA MILITARE CONVEZIONANDO IMMEDIATAMENTE LE VISITE I Consiglieri comunali di ...
sabato 15 giugno 2024
- Pubblichiamo lanota dell'ex sindaco Nicola Serinelli, attuale capo gruppo consiliare -  Con non poca sorpresa, ho appreso (ahimè, solo a mezzo stampa) la notizia che il Centro Santa Bernardette, presente proficuamente ...