Presentazione del libro Io non taccio – L’Italia dell’informazione che dà fastidio
domenica 20 marzo 2016
Il primo giorno di primavera porta con sé ancora una volta un messaggio di rinascita che parla di un mondo in cui il peso di un passato drammatico deve trasformarsi nella consapevolezza necessaria per vivere il presente con responsabilità. Se si vuole combattere efficacemente la mafia, non si deve trasformarla in un mostro né pensare che sia una piovra o un cancro, ma riconoscere che rassomiglia ad un vissuto.

Un messaggio che da 1995 ha viaggiato e che quest’anno arriva a Brindisi con la presentazione del libro Io non taccio – L’Italia dell’informazione che dà fastidio, volume pubblicato da Cento Autori per omaggiare il coraggio di chi difende la libertà d’informazione a caro costo: vite sotto scorta, minacce e intimidazioni, violenze fisiche e psicologiche.

Lunedì 21 marzo presso l'Alberghiero "Sandro Pertini" di Brindisi in collaborazione con Libera Brindisi alle 17.30 il volume, che ha recentemente vinto il Premio Borsellino 2015, verrà presentato da Lucia Portolano, direttrice di BrindisiOggi.it, e da Katiuscia Di Rocco, direttrice Biblioteca Pubblica Arcivescovile "A. De Leo" che dialogheranno con Marilù Mastrogiovanni, direttrice del web magazine “Il tacco d’Italia” di Lecce, web magazine d'inchiesta, crashato nell'ottobre 2014 da un mirato e violento attacco hacker che ne ha impedito fino ad oggi la pubblicazione dopo la pubblicazione di alcuni reportage sui rapporti tra politica e criminalità organizzata nel Salento.

Marilù Mastrogiovanni è infatti una degli otto autori, otto storie di coraggio e coerenza raccontate in prima persona da giornalisti che hanno visto cambiare la loro vita per aver trattato verità scomode.

L’incontro sarà introdotto dal prof. Vincenzo Micia, Dirigente scolastico dell'Alberghiero e dal giudice Maurizio Saso, presidente Associazione Nazionale Magistrati sezione di Brindisi, e si concluderà con la visione del servizio televisivo Mesagne e la Scu vincitore Premio Ilaria Alpi 2012 nella categoria miglior servizio di televisioni locali e regionali di Lucia Portolano.