Curto: occasione irripetibile la presenza del Santo Padre
giovedì 10 gennaio 2008

Brindisi, 10 gennaio 2008. La presenza del Santo Padre  costituirà   per Brindisi  una irripetibile occasione per soffermarsi  temi  più importanti che attengono l’uomo e la sua spiritualità, ma sarà pure l’occasione  per  utlizzare  risorse economiche non trascurabili, anzi, di un certo rilievo.


I soggetti  facenti parte del Comitato che gestirà direttamente, e senza lacci e lacciuoli normativi o burocratici,  tali risorse  sono di assoluta garanzia riguardo all’uso delle medesime, e, pur tuttavia sarebbe auspicabile  un qualche indirizzo di natura politico-gestionale non tanto nel momento del  conferimento dell’appalto, quanto in quello  del subappalto.


Per essere ancora più chiari, sarebbe  opportuna una gestione  del sub appalto  equa e diffusa, nel senso che, a parità  di condizioni tecniche,  possa   “entrare nel giro “  quel “ Polo escluso”  costituito da imprese locali qualificate ed  apprezzate che per motivi incomprensibili, oppure sin troppo comprensibili, fino ad oggi non hanno potuto  usufruire della presenza sul territorio di ingenti risorse pubbliche.


Il che vuol dire abbandonare, almeno in questa  “santa occasione”   quelle tendenze monopoliste o oligopoliste  che  a fronte di rilevanti fortune  hanno contrapposto  inquietanti sacche  di povertà.


Ma grande attenzione va posta pure all’indirizzo della qualità di progettazione, individuazione e scelta degli interventi infrastrutturali previsti.


Il che vuol dire  che gli interventi da realizzare non dovranno appartenere a quelli dell’usa e getta, ma dovranno costituire il primo stadio di un ammodernamento della città e del porto che tutti i brindisini si attendono.


Sen. Euprepio  CURTO