Via libera al disegno di Legge per il Reddito di Dignità (RED)
martedì 1 marzo 2016
Via libera al disegno di Legge per il Reddito di Dignità (RED) dal consiglio regionale dopo un proficuo lavoro della III e VI commissione regionale. Il RED rappresenta una misura di integrazione del reddito, considerata uno strumento di contrasto alla povertà assoluta e un programma di inserimento sociale e lavorativo. Le commissioni sono state riunite nei giorni scorsi in seduta congiunta e presiedute da Pino Romano e Alfonso Pisicchio.

«Abbiamo messo le basi per la costruzione di servizi pensati per rispondere in parte alle esigenze dei cittadini bisognosi».  È quanto ha dichiarato il consigliere regionale Mauro Vizzino, segretario della VI commissione e sostenitore del Reddito di Dignità.

È un disegno di legge che si pone l'obiettivo di diminuire la disuguaglianza economica tra i cittadini. Combattere la povertà, riattivare energie lavorative, aiutare chi non ha più un posto di lavoro: sono questi i propositi che hanno mosso i consiglieri regionali di maggioranza ad approvare il disegno di Legge.

Presente all'incontro congiunto tra le commissioni anche l’assessore al Welfare Salvatore Negro, rappresentante del governo regionale. Il provvedimento è stato approvato a maggioranza, con il voto contrario dei CoR, e l’astensione del M5s, Area Popolare e Forza Italia. Una legge importante per la Puglia e una occasione di riscatto per chi oggi ha bisogno.

Il patto individuale di inclusione sociale attiva è un accordo in forma scritta tra il Comune capofila dell’ambito territoriale di riferimento e il soggetto richiedente per conto del proprio nucleo familiare, mirato a definire il percorso integrato e gli obiettivi di inclusione sociale, di occupabilità e di inserimento socio lavorativo, gli impegni e gli obblighi reciproci, i risultati attesi del percorso di inclusione attiva.

Il disegno di legge ha previsto un aiuto economico di 600 euro mensili a famiglia con 5 persone. La Regione vuole darsi come obiettivo, per il primo anno di applicazione della legge, quello di sostenere circa 60mila individui a fronte di 300mila disagiati residenti in Puglia.

«È un deciso passo avanti regionale di sostegno al reddito - continua il consigliere Vizzino -. Una rete per l'attivazione di persone e la promozione sociale dei rispettivi nuclei familiari».

La copertura finanziaria è frutto della combinazione tra FSE di cui al POR Puglia 2014/2020 (OTVIII - OTIX) e della fonte nazionale che assicurano tra 50 e 60 milioni di euro più il fondo speciale regionale da bilancio autonomo di 5 milioni di euro.

A breve verrà formalizzato il regolamento regionale per attuazione della Legge, regolamento sarà preparato dalla giunta regionale.





venerdì 21 giugno 2024
La Confesercenti Brindisi esprime forte preoccupazione per la situazione attuale dei trasporti aerei e terrestri, una situazione che rischia di penalizzare gravemente il settore turistico, commerciale ed economico del nostro ...
venerdì 21 giugno 2024
Successo dell'ASL Brindisi nel fornire assistenza sanitaria durante il G7: Un riconoscimento nazionale per l'eccellenza nella gestione dell'evento. Brindisi 21/06/2024 - Il Direttore Generale Maurizio DeNuccio ha condiviso con Tommaso ...
venerdì 21 giugno 2024
BRINDISI - L’A.p.s. Brindisi e le Antiche Strade, nell’ambito delle attività dell’ Accademia degli Erranti , programma “Riusa Brindisi – Case di Quartiere” e “Nodo Galattica Brindisi”, ...
venerdì 21 giugno 2024
 ASL Brindisi - Ieri, giovedì 20 giugno, nell’Aula Magna del Polo Universitario in piazza Di Summa si è svolto un importante incontro formativo e informativo rivolto agli studenti dei corsi di laurea nelle ...
venerdì 21 giugno 2024
BRINDISI - Entro fine giugno 2024, presso la sede di ECIPA Brindisi in Viale Belgio 30, prenderanno il via quattro corsi gratuiti. ECIPA Brindisi, ente di formazione accreditato presso la Regione Puglia e Corner dell’ATS Programma ...